Occupazione, affari sociali e inclusione

Persone con disabilità

© Shutterstock / goodluz

Entro il 2020 si prevede che un quinto della popolazione dell'UE presenterà qualche forma di disabilità. L'UE e i suoi Stati membri sono impegnati a migliorare la situazione socioeconomica delle persone con disabilità, sulla base della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e del trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

L'Unione europea e tutti i suoi Stati membri sono parti contraenti della convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD). Per l'UE questo importante trattato è entrato in vigore nel gennaio 2011 e ha ispirato il contenuto della strategia europea sulla disabilità 2010-2020.

Principali iniziative in materia di disabilità

La Commissione sostiene inoltre gli Stati membri nell'attuazione della UNCRPD attraverso il semestre europeo e con i fondi dell'UE.

Alcuni strumenti politici utili sono: 

  • il pilastro europeo dei diritti sociali, con il principio 17 dedicato alle persone con disabilità e la questione della disabilità trattata nei vari principi ove opportuno.
  • il semestre europeo, il quale prevede un quadro di riferimento per il coordinamento delle politiche economiche in tutta l'UE e fornisce informazioni sulla situazione delle persone con e senza disabilità negli Stati membri.

Sensibilizzazione

La Commissione europea si impegna ad effettuare un lavoro di sensibilizzazione sulle condizioni di vita delle persone con disabilità, sulle sfide che queste incontrano nella loro vita quotidiana e sugli strumenti per migliorare la loro vita. La Commissione inoltre pubblicizza la sua attuazione della UNCRPD.

Per raggiungere tale obiettivo la Commissione europea organizza ogni anno:

Sostegno

L'UE fornisce sostegno finanziario tramite sovvenzioni annuali a diverse organizzazioni di persone con disabilità (DPO) a livello dell'UE e a ONG (nell'ambito del programma Diritti, uguaglianza e cittadinanza), allo scopo di facilitare la loro partecipazione ai processi a livello dell'UE. Ad esempio esse presentano osservazioni in merito allo sviluppo della legislazione e delle politiche dell'UE. Tali organizzazioni includono:

Fondi strutturali e d'investimento europei (fondi SIE) sono i principali strumenti finanziari dell'UE a sostegno della coesione economica e sociale. Essi aiutano a garantire l'inclusione sociale dei cittadini più vulnerabili, comprese le persone con disabilità.

La rete accademica degli esperti europei sulla disabilità (ANED) fornisce alla Commissione europea un'analisi dei dati e delle politiche provenienti dagli Stati membri dell'UE. Essa gestisce la DOTCOM, una banca dati che monitora gli strumenti politici relativi all'UNCRPD nell'UE e negli Stati membri.

Condividi questa pagina