Occupazione, affari sociali e inclusione

Rispettare il pilastro europeo dei diritti sociali

Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione hanno proclamato il pilastro europeo dei diritti sociali in occasione del vertice sociale per l'occupazione e la crescita eque a Göteborg, in Svezia, il 17 novembre 2017. Il pilastro stabilisce 20 principi e diritti fondamentali per sostenere mercati del lavoro equi e ben funzionanti, strutturati attorno a tre capitoli:

  • pari opportunità e accesso al mercato del lavoro
  • condizioni di lavoro eque
  • protezione sociale e inclusione.

Il pilastro è la prima serie di diritti sociali proclamati dalle istituzioni dell'UE da quando è stata adottata la Carta dei diritti fondamentali nel 2000. Per mettere in pratica i venti diritti e principi, la Commissione ha avviato iniziative concrete a livello europeo.

La presidente eletta della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha ribadito il suo impegno verso il pilastro nel suo discorso dinanzi al Parlamento europeo a Strasburgo nel luglio 2019 e nei suoi orientamenti politici per il mandato della prossima Commissione europea, annunciando ulteriori azioni per attuarne i principi e i diritti.

Sebbene molti degli strumenti per realizzare il pilastro dei diritti sociali siano nelle mani degli Stati membri, delle parti sociali e della società civile, le istituzioni dell'Unione europea, e in particolare la Commissione, possono dare il proprio contributo definendo il quadro e la direzione da seguire.

Maggiori informazioni sull'iniziativa

Condividi questa pagina