Occupazione, affari sociali e inclusione

Libera circolazione – cittadini europei

La libera circolazione dei lavoratori è un principio fondamentale dell'UE, sancito dall'articolo 45 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea e ulteriormente precisato dal diritto derivato e dalla giurisprudenza della Corte di giustizia europea. I cittadini dell'UE hanno il diritto di:

  • cercare lavoro in un altro paese europeo   
  • lavorare in tale paese senza bisogno di un permesso di lavoro
  • viverci per motivi di lavoro
  • restarvi anche quando l'attività professionale è giunta a termine
  • godere della parità di trattamento rispetto ai cittadini nazionali per quanto riguarda l'accesso al lavoro, le condizioni di lavoro, nonché qualsiasi altro beneficio sociale e fiscale.

I cittadini dell'UE possono anche chiedere il trasferimento di alcuni tipi di copertura sanitaria e previdenziale verso il paese in cui si spostano per motivi professionali (vedere coordinamento dei regimi di sicurezza sociale).

La libera circolazione dei lavoratori si applica anche, in linea di massima, ai paesi dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e al Regno Unito.

Per alcuni mestieri è inoltre possibile chiedere il riconoscimento delle qualifiche professionali (vedere riconoscimento reciproco delle qualifiche professionali).

Le norme europee sul coordinamento dei regimi di sicurezza sociale servono a tutelare i diritti delle persone che si spostano all'interno dell'UE e di Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Regno Unito.

Chi può godere di questa libertà?

  • Le persone in cerca di lavoro, vale a dire i cittadini dell'UE che si spostano in un altro paese europeo per cercare un impiego (a determinate condizioni)
  • I cittadini dell'UE che lavorano in un altro paese europeo
  • I cittadini dell'UE che ritornano nel paese di origine dopo aver lavorato all'estero
  • I loro familiari.

I diritti possono differire leggermente per i lavoratori autonomi, gli studenti, i pensionati e le persone inattive. Per ulteriori informazioni su queste categorie, vedere La tua Europa.

Esistono delle restrizioni?

  • I diritti qui illustrati si applicano alle persone che esercitano il loro diritto alla libera circolazione per motivi di lavoro.
  • Esistono restrizioni per motivi politici e di sicurezza pubblica, salute pubblica e lavoro nel settore pubblico.
  • I cittadini croati possono essere soggetti a restrizioni temporanee.

Regno Unito

Il diritto dell'UE nel suo complesso, in tutti i settori d'intervento, resterà in vigore e continuerà ad applicarsi al Regno Unito nel periodo di transizione. Stando alle attuali previsioni, il periodo di transizione dovrebbe concludersi il 31 dicembre 2020.

Condividi questa pagina