Occupazione, affari sociali e inclusione

Digitalizzazione nel coordinamento della sicurezza sociale

La normativa dell'UE sul coordinamento dei regimi di sicurezza sociale invita gli Stati membri a utilizzare le tecnologie più avanzate per lo scambio, l'accesso e l'elaborazione dei dati necessari per metterla in atto, nonché per offrire servizi facili da usare alle persone mobili, vale a dire quelle si spostano da un paese europeo all'altro. 

Grazie allo scambio elettronico transfrontaliero delle informazioni sulla sicurezza sociale, gli enti previdenziali nazionali sono in grado di esaminare le richieste di prestazioni sociali (sussidi di disoccupazione, rimborso delle spese sanitarie, prestazioni familiari, pensioni di anzianità, ecc.) di questa categoria di cittadini in modo più rapido ed efficiente.

Ciò è in linea con la strategia digitale della Commissione, che stabilisce gli obiettivi e le misure per sostenere la trasformazione digitale delle pubbliche amministrazioni, realizzare l'interoperabilità attraverso le frontiere e facilitare l'interazione con i cittadini.

Scambio elettronico di informazioni sulla sicurezza sociale (EESSI)

EESSI (Electronic Exchange of Social Security Information) è un sistema informatico che aiuta gli enti previdenziali dei vari paesi dell'UE a scambiarsi informazioni su temi quali legislazione vigente, malattia, malattie professionali e infortuni sul lavoro, pensione, disoccupazione e prestazioni familiari con maggiore rapidità e sicurezza, come previsto dalla normativa dell'UE sul coordinamento dei regimi di sicurezza sociale.

Prima del sistema EESSI la maggior parte degli scambi avvenivano ancora su carta. Questi vengono ora gradualmente digitalizzati con l'adozione progressiva del sistema EESSI da parte degli enti previdenziali degli Stati membri.

Come funziona il sistema EESSI

Tutte le comunicazioni tra amministrazioni nazionali su fascicoli riguardanti la sicurezza sociale in ambito transfrontaliero hanno luogo attraverso il sistema EESSI: gli enti previdenziali si scambiano documenti elettronici strutturati seguendo procedure concordate. Tali documenti vengono inoltrati attraverso il sistema EESSI al destinatario dell'altro Stato membro.

Il personale degli enti previdenziali è in grado di trovare il destinatario corretto nell'elenco degli enti nazionali.

Calendario per l'attivazione del sistema EESSI negli Stati membri

Il primo scambio di un messaggio elettronico strutturato su un caso concreto riguardante la situazione previdenziale di un cittadino europeo ha avuto luogo nel gennaio 2019. Si è trattato di un risultato estremamente importante per il progetto EESSI, conseguito dopo anni di grande impegno.

Dal 2019 tutti i paesi partecipanti hanno dovuto connettersi al sistema EESSI. La Commissione continua a sostenere e monitorare gli sforzi compiuti dagli Stati membri per garantire che tutti i 32 paesi siano pronti ad utilizzare il sistema il più presto possibile.

Vantaggi del sistema EESSI

Scambi più veloci ed efficienti tra gli enti previdenziali e vantaggi per i cittadini mobili

  • Il sistema EESSI velocizza gli scambi tra gli enti previdenziali su casi relativi ai diversi aspetti della sicurezza sociale (indennità di disoccupazione, assegni familiari, pensioni di vecchiaia, prestazioni di malattia, ecc.). Consente agli enti di esaminare in modo più tempestivo i singoli casi e contribuisce a rendere più rapido il calcolo e il pagamento delle prestazioni.
  • Questo scambio di informazioni sulla sicurezza sociale più rapido ed efficiente migliora inoltre la tutela dei diritti previdenziali dei cittadini oltre frontiera.

Maggiore accuratezza nello scambio di dati tra le amministrazioni nazionali

  • Gli enti previdenziali di tutta l'UE utilizzeranno dei documenti elettronici standardizzati tradotti in tutte le lingue per agevolare la comunicazione multilingue.
  • Il sistema EESSI ottimizza la gestione dei casi, introducendo procedure elettroniche standard che tutte le amministrazioni saranno tenute a seguire. Ciò contribuisce a garantire la corretta applicazione della normativa per il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale.

Lotta antifrode

  • Il sistema EESSI prevede delle garanzie per l'esattezza e completezza dei dati scambiati, in modo da aiutare gli enti previdenziali a combattere frodi ed errori.

Gestione sicura dei dati personali

  • Il sistema EESSI si avvale di un'infrastruttura comune sicura per lo scambio transfrontaliero di dati tra gli enti previdenziali.
  • Il sistema permette lo scambio di messaggi tra amministrazioni nazionali, ma non prevede la creazione di una banca dati per archiviare messaggi e dati personali a livello centrale. Il contenuto dei messaggi è accessibile soltanto agli enti interessati e gli Stati membri hanno la responsabilità di garantire un elevato livello di protezione dei dati, in linea con la normativa dell'UE. 
  • EESSI adotta gli standard più elevati in fatto di sicurezza informatica.

Raccolta di statistiche sul coordinamento della sicurezza sociale

  • Il sistema EESSI consente di raccogliere statistiche sugli scambi di messaggi tra gli enti previdenziali.

Verifica dei diritti di sicurezza sociale

  • Gli enti previdenziali di tutta Europa possono scambiarsi informazioni anche per verificare i diritti di sicurezza sociale dei cittadini mobili.

Condividi questa pagina