Per contattarci  |  Ricerca 
Introduzione
Scienza e governance
Etica
Sensibilizzazione alla scienza
I giovanni e la scienza
Le donne e la scienza
Piano d'azione
FP6 Calls
Scienza e societÓ
Scienza e società in Europa Graphic element
 

Prefazione di Philippe Busquin

In una società della conoscenza, una governance democratica deve garantire ai cittadini i mezzi per partecipare, in piena consapevolezza, alla scelta delle opzioni offerte da un progresso scientifico e tecnologico responsabile.

L’ultimo Eurobarometro pubblicato dalla Commissione mostra l'entità dei progressi da compiere in questo campo: anche se gli scienziati riscuotono ancora la fiducia degli Europei, soltanto la metà di questi ultimi si dichiara interessata alla scienza e molti si considerano mal informati.

Il Piano di azione “Scienza e società” della Commissione europea intende pertanto riunire le energie a livello europeo per rafforzare e rendere più armoniose le relazioni tra la scienza e la società.

Esso si situa nello spazio comune di tre grandi dibattiti comunitari.

Innanzitutto rientra nell’approccio di Lisbona e sostiene l’obiettivo strategico che l'Unione europea si è fissata per il 2010: diventare l’economia basata sulla conoscenza la più dinamica e competitiva del mondo.

Rientra anche nella dinamica di creazione dello Spazio europeo della Ricerca, avviata nel gennaio 2000 dalla Commissione europea e alimentata dal documento dei servizi della Commissione del novembre 2000 “Scienza, società e cittadini in Europa” che ha lanciato il dibattito in questo campo.

In terzo luogo intende apportare un contributo all’attuazione del Libro bianco sulla governance europea e al dibattito sul futuro dell’Europa.

Ha l’ambizione di tradurre in realtà le idee sul legame tra scienza e società sostenute in questi dibattiti. A tal fine propone trentotto azioni da intraprendere congiuntamente con gli Stati membri, le autorità regionali, i ricercatori scientifici, i decisori politici, le imprese e altri soggetti della società civile.

I suoi campi di azione concernono l’educazione, la cultura scientifica e tecnologica, la partecipazione dei cittadini e della società civile alla definizione e attuazione delle politiche scientifiche in Europa nonché l’uso di conoscenze scientifiche che rispettino regole etiche comuni nella definizione di politiche responsabili.

Alla stregua della creazione dello Spazio europeo della Ricerca, questo piano di azione avrà un impatto significativo soltanto nella misura in cui gli Stati membri si impegneranno essi stessi in uno sforzo comune e coordinato. La Commissione avrà una funzione di catalizzatore per garantire razionalità e coerenza a livello comunitario.

Philippe Busquin
Membro della commissione europea
Ricerca

 

 
ElÚment graphique
Line
     
Ultimi aggiornamenti | Primo piano | Documenti | Collegamenti | A chi rivolgersi Inizio pagina
   
Ultimi aggiornamenti Primo piano Documenti Collegamenti A chi rivolgersi