Promuovere l'innovazione nelle tecnologie sanitarie e nelle scienze biologiche in Calabria

Il finanziamento UE per Biotecnomed, il Polo di Innovazione nelle Tecnologie sanitarie - una rete di istituzioni calabresi specializzate in scienze sanitarie e biologiche - ha permesso di erogare servizi di alto livello per imprese, università e centri di ricerca. È stato costruito un sito produttivo con una superficie di 400 m², dotato delle attrezzature più moderne. Ospita laboratori di bioinformatica, biomeccatronica e bioelettronica, uffici, una sala conferenze, spazi destinati all'uso da parte di piccole imprese e start-up e un «fab-lab» - un laboratorio per la modellizzazione e la fabbricazione digitale.

Altri strumenti

 
Collage di immagini provenienti dal sito produttivo Biotecnomed © Giovanni Cuda Collage di immagini provenienti dal sito produttivo Biotecnomed © Giovanni Cuda

" Biotecnomed è un importante catalizzatore di idee innovative in campo biomedico, molte delle quali sono state utilizzate dalle PMI calabresi per la creazione, lo sviluppo e la realizzazione di progetti di ricerca industriale. Tali progetti hanno generato innovazioni di processo e di prodotto che si sono rivelate utili per aumentare la presenza di queste imprese sui mercati regionali, nazionali ed esteri. "

Prof. Giovanni Morrone, Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro

Tra i principali risultati di Biotecnomed vi sono il rafforzamento di 11 laboratori tecnologici esistenti e la creazione di altri otto. Quattro progetti di ricerca e sviluppo (R&S) sono stati attuati dalla rete, creando 50 posti di lavoro.

Biotecnomed ha sviluppato anche servizi avanzati di ricerca e innovazione, integrati da servizi orizzontali quali la fornitura di dati tecnici e scientifici, la collaborazione in rete e il sostegno ai programmi di R&S, il trasferimento tecnologico e le attività promozionali e di marketing.

I progetti di R&S realizzati da Biotecnomed riguardano le aree della diagnostica avanzata, della diagnostica riabilitativa, della medicina rigenerativa e della nutraceutica: prodotti derivati da fonti alimentari con benefici extra per la salute. Il progetto è stato sostenuto da corsi di formazione, che prevedono lezioni e attività sul posto di lavoro per circa 40 specialisti.

Affrontare sfide regionali che perdurano

Biotecnomed, costituita da 13 soci, guida anche un più ampio gruppo di cooperazione composto da 40 aziende, due istituti di ricerca privati, due università e il Consiglio Nazionale della Ricerca. I laboratori dei soci sono dislocati in tutta la Calabria e mirano a soddisfare le esigenze dei clienti interni ed esterni alla rete.

Una delle principali sfide che Biotecnomed ha dovuto affrontare è stata quella di un ambiente regionale che soffriva per la mancanza di apertura all'innovazione e per debolezze strutturali in termini di produttività. Gli indicatori mostrano che la Calabria tende a restare indietro rispetto ad altre regioni italiane nello sviluppo economico.

Biotecnomed ha contribuito a cambiare la mentalità degli imprenditori locali. Punta sulla valorizzazione degli elementi che sostengono l'innovazione nella regione e sull'aumento del know-how interdisciplinare all'interno della rete. Mira inoltre a valorizzare i punti di forza della regione e a promuovere il potenziale della ricerca.

Ricerca e trasferimento tecnologico

I laboratori della rete svolgono attività di ricerca scientifica e tecnologica, diffondendo i risultati attraverso l'insegnamento, le pubblicazioni e il trasferimento tecnologico. Rafforzando i processi di trasferimento tecnologico alle imprese locali e creando le condizioni per la competitività economica, la rete contribuisce ad attrarre investimenti e a valorizzare le risorse scientifiche calabresi. I manager responsabili del trasferimento tecnologico e del marketing all'interno di Biotecnomed lavorano per rafforzare ulteriormente i collegamenti tra i laboratori e il mercato.

Attraverso l'instaurazione di solidi rapporti di lavoro tra università, centri di ricerca e imprese, Biotecnomed contribuisce a una migliore integrazione delle infrastrutture calabresi di ricerca e innovazione nel campo della salute e della biotecnologia e ad aumentare le sinergie e la cooperazione tra mondo accademico e impresa. Stimola inoltre la crescita e lo sviluppo economico della regione creando opportunità d'impresa e occupazione, valore aggiunto per le imprese e sostenendo l'incubazione di idee innovative.

Investimento complessivo e finanziamento dell'UE

L'investimento totale per il progetto «Biotecnomed: centro di innovazione nelle tecnologie sanitarie» è di 8 842 590 EUR, con un contributo da parte del Fondo europeo di sviluppo regionale dell'UE di 3 315 971 EUR, attraverso il programma operativo «Calabria» per il periodo di programmazione 2007-2013.

Data proposta

17/11/2017

Video