Come far lavorare le tecnologie dell’informazione per i servizi medici di montagna nell’area del Monte Bianco

Le tre regioni limitrofe nell’area europea alpina del Monte Bianco hanno unito le forze per sviluppare e promuovere servizi di medicina di montagna appoggiandosi alle tecnologie per la telemedicina e le teleconsultazioni. I risultati del progetto e-Res@mont forniscono vantaggi alle persone che vivono e che visitano la Valle d’Aosta in Italia, la regione dell’Alta Savoia in Francia e il cantone Vallese in Svizzera. Il gruppo alle spalle del progetto si è inoltre concentrato sulla ricerca e il trattamento del mal d'altezza acuto.

Altri strumenti

 
eRes@mont is aimed at meeting the healthcare needs of people who live, work and spend leisure time in high-altitude areas. ©e-Res@mont eRes@mont is aimed at meeting the healthcare needs of people who live, work and spend leisure time in high-altitude areas. ©e-Res@mont

" e-Res@mont ha sviluppato servizi locali avanzati per la medicina di montagna. La collaborazione instaurata tra Italia, Francia e Svizzera ha migliorato le tecnologie della telemedicina e delle consultazioni a distanza, le ricerche sul mal d'altitudine e i contenuti informativi - il tutto promosso tramite un’app. Con il rafforzamento dei servizi sanitari in territori isolati, e-Res@mont ha contribuito a contrastare lo spopolamento e a incrementare il turismo. "

Guido Giardini, coordinatore del progetto

I servizi messi a punto da eRes@mont si prefiggono di rispondere alle esigenze delle persone che vivono e lavorano in questo territorio alpino isolato senza dimenticare i vacanzieri, gli alpinisti e gli escursionisti. Integrando i servizi medici già in essere, i risultati del progetto dovrebbero aumentare il livello di attrattività della regione combattendo il fenomeno dello spopolamento e incoraggiando la visita da parte di un numero sempre più folto di turisti.

Lo sviluppo di nuove risorse

eRes@mont ha sviluppato e sperimentato:

  • un modello sanitario che si basa su un servizio di telemedicina;
  • un’applicazione disponibile in ogni momento e che non richiede una connessione ad Internet, che offre l’accesso a informazioni sul mal d'altitudine acuto, questionari di autovalutazione sul proprio stato di salute e i numeri da contattare in caso di emergenza;
  • una mascherina da applicare sulla bocca per curare il mal d'altezza acuto; e
  • l’efficacia di un medicinale per curare le ferite da congelamento.

Durante la fase di prova del progetto si sono svolte 702 teleconsultazioni in 10 siti preselezionati della Valle d’Aosta nel corso dell’inverno e dell’estate 2018. Questi interventi hanno aiutato il progetto a razionalizzare e correggere la gestione delle emergenze. Le prove hanno contribuito a identificare altri servizi medici che potevano essere richiesti oltre alla teleconsultazione di partenza, come ad esempio un’ambulanza o un’evacuazione per mezzo di elicottero.

I servizi di teleconsultazione di e-Res@mont sono stati sostenuti mediante la formazione degli operatori coinvolti nella medicina di montagna e la promozione del servizio tramite l’app.

Studi medici di alta montagna

Il team del progetto ha effettuato diversi studi medici complementari incentrati sulla reazione del corpo umano in ambienti ad alta quota. Uno studio fisiopatologico ha analizzato la reazione di soggetti affetti da patologie cardiovascolari e cerebrovascolari ad altitudini elevate. Uno studio genetico ha esaminato le conseguenze a breve e medio termine risultanti dai notevoli livelli di stress e dalla mancanza di sonno negli atleti degli sport di resistenza, in particolare quelli impegnati nelle maggiori gare che si svolgono ad alta quota, come il Tor des Géants e l’Ultra Trail du Mont-Blanc.

Inoltre, uno studio epidemiologico si è occupato dei disordini associati alle altitudini elevate, con lo scopo di valutare l’impatto esercitato dallo stile di vita e da fattori di rischio individuali sullo sviluppo del mal d'altitudine acuto. Gli esiti degli studi forniranno informazioni utili per i protocolli di trattamento che la medicina di montagna dovrà adottare in futuro.

Investimento totale e finanziamento dell’UE

L’investimento totale per il progetto «e-Res@mont» è di 824 423 EUR, con un contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale dell’UE di 794 860 EUR attraverso il programma operativo «Interreg V-A Francia-Italia ALCOTRA» per il periodo di programmazione 2014-2020. L’investimento rientra nella priorità «TIC».

Data proposta

05/04/2020