Sviluppo più omogeneo della mobilità elettrica nelle Alpi

Il progetto e-MOTICON mira a sostenere le amministrazioni pubbliche nelle regioni alpine per garantire uno sviluppo più omogeneo della mobilità elettrica, facilitando una diffusione ampia e una maggiore interoperabilità dell’accesso pubblico alle stazioni di ricarica dei veicoli elettrici. A tal fine, sta formulando una strategia transnazionale che combina pianificazione territoriale, modelli di business e tecnologie innovativi, modelli di mobilità sostenibile e strumenti e politiche di efficienza energetica.

Altri strumenti

 
A road running through an Alpine landscape ©Marta Corsetti A road running through an Alpine landscape ©Marta Corsetti

" Pensiamo che il progetto e-MOTICON ci aiuterà a raggiungere gli obiettivi ambientali grazie alla diffusione dei veicoli elettrici in Slovenia, ad esempio aumentando la quantità di veicoli elettrici nella flotta di trasporto pubblico fino al 70%. "

Matjaž Vrčko, osservatore e-MOTICON, Ministero sloveno delle Infrastrutture

La strategia elaborata nell’ambito del progetto sosterrà le pubbliche amministrazioni dell’area transnazionale «Spazio Alpino» nella realizzazione di una rete di stazioni di ricarica elettrica omogenea, interoperabile e di facile utilizzo su scala alpina, supportata da informazioni chiare e complete per gli utenti.

Rafforzerà inoltre la cooperazione transfrontaliera tra le pubbliche amministrazioni per quanto riguarda la pianificazione delle infrastrutture di ricarica elettrica e promuoverà un approccio integrato allo sviluppo della mobilità elettrica. Ciò dovrebbe aumentare la capacità del settore pubblico di collaborare con il settore privato nella pianificazione infrastrutturale.

Diffusione limitata della mobilità elettrica

Sebbene molte comunità alpine abbiano investito nella mobilità elettrica per rendere i trasporti più sostenibili e ridurre le emissioni di CO2, il suo utilizzo nella regione rimane limitato. Oltre all’elevato costo dei veicoli elettrici, le motivazioni includono la mancanza di strumenti di mappatura transnazionale e di strategie operative, che determina una disponibilità variabile di stazioni di ricarica. Infatti, il numero di stazioni varia da 15 per milione di abitanti in alcune zone a 235 per milione in altre, mentre il numero di veicoli elettrici varia da 70 a 470 per milione di abitanti.

Un elemento chiave per promuovere la mobilità elettrica è l’integrazione della pianificazione delle relative infrastrutture con la pianificazione funzionale, spaziale e dell'efficienza energetica. Tuttavia, molte amministrazioni pubbliche non sono consapevoli della necessità di una pianificazione integrata e delle tecnologie e dei modelli di business più innovativi del settore. Inoltre, spesso adottano un approccio di portata esclusivamente locale, il che porta a problemi di interoperabilità, uno dei principali ostacoli alla diffusione della mobilità elettrica.

Aumentare le opzioni di trasporto a basse emissioni di carbonio

e-MOTICON sta raccogliendo dati ed elaborando scenari per aumentare la conoscenza della mobilità elettrica e la comprensione degli ostacoli alla pianificazione a lungo termine. A sostegno della sua strategia, essa applicherà anche le informazioni raccolte sulla consapevolezza e l’accettazione da parte dei cittadini delle nuove tecnologie e dei sistemi di interazione con gli utenti finali.

A seguito dell’analisi delle politiche, dei modelli di business e delle soluzioni tecnologiche, i partner stanno redigendo un libro bianco sulla pianificazione delle stazioni di ricarica elettrica in linea con i requisiti previsti dai piani d’azione transnazionali e regionali. È in corso anche la realizzazione di un vademecum per identificare i requisiti di rete e il relativo collaudo in tre azioni pilota.

Inoltre, la creazione nell’ambito del progetto di una comunità transnazionale composta da rappresentanti dell’industria, della ricerca, delle agenzie regionali, degli utenti finali e dei trasporti pubblici sta creando capacità di pianificazione e cooperazione all’interno delle pubbliche amministrazioni e rafforzando il consenso a vantaggio di tutti gli utenti dei trasporti.

Sulla base delle migliori pratiche di interoperabilità e di un quadro europeo per il roaming, la strategia e-MOTICON porterà all’adozione di strumenti di pianificazione innovativi per l’installazione di infrastrutture di ricarica interoperabili in tutta la regione alpina. Questi strumenti possono essere impiegati anche per incrementare le opzioni di trasporto a basse emissioni di carbonio in altre parti dell’UE.

Investimento totale e finanziamento dell’UE 

L’investimento totale per il progetto «e-MOTICON - Strategia transnazionale di mobilità elettrica per una comunità interoperabile e il networking nello Spazio Alpino» è di 2 085 556 EUR, con un contributo da parte del Fondo europeo di sviluppo regionale dell’UE di 1 772 722 EUR, attraverso il programma operativo «Spazio alpino» per il periodo di programmazione 2014-2020.