Le comunità alpine mettono in comune le loro risorse per affrontare meglio i cambiamenti climatici

Sebbene molte comunità alpine europee abbiano adottato piani d’azione per l’energia sostenibile e per il clima, la loro attuazione presenta dei problemi. Il progetto PEACE_Alps affronta la questione adottando un approccio intercomunale.

Altri strumenti

 
Electricity pylon ©Creative Commons Electricity pylon ©Creative Commons

" Le comunità alpine affrontano lo stesso tipo di problemi indipendentemente dal paese in cui si trovano. Pertanto, dovremmo cercare soluzioni comuni e condividerle tra noi. Tutte le soluzioni sperimentate all’interno del progetto PEACE_Alps sono ampiamente replicabili in tutta la regione alpina, favorendo la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. "

Giuseppina De Santis, assessore alla Regione Piemonte

Per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, alcune comunità alpine hanno intrapreso diverse azioni locali volte a ridurre le emissioni di carbonio. Sebbene tali iniziative abbiano stimolato la pianificazione dell’azione per il clima, il passaggio dalla fase di pianificazione a quella di attuazione si è rivelato impegnativo. Ciò è dovuto principalmente alla mancanza di competenze tecniche all’interno delle singole comunità e al fatto che tali azioni necessitano di economie di scala per essere efficaci.

Il progetto PEACE_Alps mira a colmare questa lacuna di conoscenze raggruppando le esigenze locali e creando soluzioni centralizzate per aiutare tutte le comunità nel passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio. Lo sportello unico di servizi e soluzioni di assistenza tecnica aperto a questo scopo sta già sostenendo oltre 200 comuni nello sviluppo di azioni concrete di adattamento climatico e passaggio a basse emissioni di carbonio.      

Iniziare a livello locale

Il progetto affonda le sue radici nella consapevolezza che, quando si tratta di attuare i piani d’azione per l’energia sostenibile e per il clima, le autorità locali devono affrontare problemi e limitazioni simili. I servizi di assistenza tecnica PEACE_Alps sono quindi forniti gratuitamente ai comuni di piccole e medie dimensioni che desiderano gestire meglio il loro uso dell’energia, ristrutturare gli edifici pubblici, modernizzare l’illuminazione stradale e adattarsi ai cambiamenti climatici.

Il progetto adotta un approccio dal basso verso l’alto. Per individuare i bisogni e le opportunità locali, il progetto è partito da un’intervista ad oltre 200 responsabili politici locali, funzionari pubblici e soggetti interessati di tutte le regioni coinvolte. Ha quindi consolidato queste informazioni per ispirare soluzioni centralizzate che potrebbero essere facilmente adattate alle esigenze locali.

Sebbene il progetto sia ancora in corso, ha già raccolto, analizzato e confrontato con successo dati su più di 500 edifici e 12 500 lampioni stradali. Entro la conclusione del progetto a fine 2018, i coordinatori prevedono di intraprendere azioni specifiche per rendere gli edifici e l’illuminazione più efficienti dal punto di vista energetico.

Un approccio centralizzato

Il fine ultimo dell’approccio centralizzato del progetto è aiutare tutte le comunità coinvolte a raggiungere l'obiettivo di un’area alpina a basse emissioni di carbonio e fornire strumenti politici per l’adattamento ai cambiamenti climatici. Con il conseguente aumento dell’efficienza energetica e l’uso di fonti di energia rinnovabili, il progetto PEACE_Alps contribuisce anche a ridurre la dipendenza della regione dalle fonti energetiche straniere. Aumentando le soluzioni esistenti e sostenendo l’attuazione di azioni locali, si ridurranno le emissioni di gas a effetto serra e si creeranno nuovi posti di lavoro.

Inoltre, oltre 20 autorità pubbliche regionali e agenzie settoriali beneficeranno direttamente del trasferimento di conoscenze sviluppato dal progetto che, secondo i coordinatori, triplicherà il suo impatto in futuro. Proprio a causa del suo notevole impatto, il progetto è stato nominato migliore iniziativa del settore pubblico in occasione della Settimana europea dell’energia sostenibile del 2018 (EUSEW).

Investimento totale e finanziamento dell’UE

L’investimento totale per il progetto «Mettere in comune i piani d’azione per l’energia e migliorarne l’attuazione nelle Alpi» è di 1 938 899 EUR, con un contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale dell’UE di 1 648 064 EUR attraverso il programma operativo «Spazio alpino» per il periodo di programmazione 2014-2020. L’investimento rientra nella priorità «Unione dell’energia e clima».

Data proposta

22/02/2019