Taglio progressivo al circolo degli sprechi alimentari

La cooperazione a livello superiore, l'uso innovativo della tecnologia (compreso un «hackathon» di app) e uno spirito di buona volontà sono il motore dei progressi di un progetto che coinvolge nove partner e mira a gestire meglio gli sprechi alimentari in cinque paesi dell'Europa centrale.

Altri strumenti

 
STREFOWA offers a little taste of what people throw away. ©ABF-BOKU STREFOWA offers a little taste of what people throw away. ©ABF-BOKU

" I maggiori benefici arriveranno all'inizio del 2018, quando lanceremo il nostro strumento online Reducefoodwaste.eu che mira a dare a tutti, dall'azienda agricola al piatto (e al cestino), consigli su come ridurre gli sprechi alimentari nei rispettivi ambienti. Sostanzialmente, questo strumento riunirà in un unico luogo tutti i risultati del nostro lavoro e le conoscenze sugli sprechi alimentari, una cosa che in questo momento manca davvero. "

Christine Doležalová, partner della comunicazione di STREFOWA, Glopolis

Con così tante persone che lottano per arrivare a fine mese e dare da mangiare alle loro famiglie, lo spreco di cibo non è solo un imperativo economico, ma ha anche sfumature etiche e un impatto ambientale non indifferenti, visto che lo spreco di risorse naturali e lo smaltimento scorretto provocano inutili emissioni di CO2.

Il progetto STREFOWA, finanziato dall'UE, sensibilizza su questo problema concentrandosi su migliori pratiche di gestione dei rifiuti lungo l'intera filiera dell'approvvigionamento alimentare, che comprende consumatori, autorità locali, ristoranti, negozianti, insegnanti e strutture di raccolta dei rifiuti. 

Le azioni fanno più delle parole

L'ambiziosa missione del progetto, guidato dall'austriaca ABF-BOKU, è di «Dare agli scarti alimentari una seconda opportunità» contribuendo a redistribuire gli avanzi. Concentrandosi su aree urbane di paesi selezionati dell'Europa centrale, STREFOWA si dedica inoltre con entusiasmo a sensibilizzare, promuovere la formazione e sviluppare programmi e strumenti educativi su come prevenire lo spreco di cibo, in modo che una quantità inferiore di preziose risorse finisca come rifiuto nelle discariche.

Per esempio, sono state avviate azioni pilota innovative per studiare nuove soluzioni volte a dare una nuova destinazione al cibo e a compostare, in particolare, i rifiuti organici. Un'altra azione, la serie di hackathon sugli sprechi alimentari di STREFOWA, invita i designer di app e gli appassionati di TIC a presentare nuove idee per aiutare le persone a sprecare meno cibo.

«I nostri hackathon in Austria e Repubblica ceca hanno generato sette impressionanti progetti di app che potrebbero davvero fare la differenza nel ridurre i rifiuti alimentari in Europa centrale», sottolineano i partner. Sono previsti altri hackathon in Polonia, Ungheria e Italia. «Il settore privato ha già dimostrato interesse per le app in fase di sviluppo e, nel 2018, potremmo vedere i primi risultati», prevedono. 

Sapere è potere

I paesi partecipanti stanno realizzando progetti pilota per capire che cosa funziona al meglio nella riduzione e gestione degli sprechi alimentari. I risultati di questi esperimenti sono previsti verso la fine del 2017. «Ciascun paese si sta concentrando su problemi davvero interessanti e su soluzioni che possono essere trasferite e sperimentate in altri contesti», rilevano dal progetto. 

Il progetto sta inoltre raccogliendo informazioni sulle iniziative di prevenzione degli sprechi alimentari nei paesi partner, che finiranno nella relazione sullo stato dell'arte e le migliori pratiche in fase di redazione. «Sapere che cosa succede nella nostra regione e poter accedere facilmente alle informazioni per prenderne spunto contribuirà a motivare più persone, che si impegneranno a ridurre gli sprechi alimentari», concludono i partner.

Investimento complessivo e finanziamento dell'UE

L'investimento totale per il progetto «Strategie per ridurre i rifiuti alimentari nell'Europa centrale» è di 2 363 175 EUR, con un contributo da parte del Fondo europeo di sviluppo regionale dell'UE di       1 938 349 EUR, attraverso il programma operativo «Interreg EUROPA CENTRALE» per il periodo di programmazione 2014-20.

 

Data proposta

17/11/2017