Impatto del coronavirus

Questa pagina, destinata agli studenti, agli alunni, ai volontari e agli altri partecipanti al programma Erasmus+ e al Corpo europeo di solidarietà, offre informazioni sull'incidenza del coronavirus sulle attività in corso, sui cambiamenti in atto e sull'assistenza disponibile.

La pandemia di Covid-19 si ripercuote negativamente sulle varie attività condotte o programmate nell'ambito del programma Erasmus+ e del Corpo europeo di solidarietà.

La nostra risposta

L'obiettivo principale della Commissione europea è la sicurezza e la tutela di tutti i partecipanti al programma Erasmus+ e al Corpo europeo di solidarietà, nel pieno rispetto di tutte le misure di contenimento adottate a livello nazionale. La Commissione europea è impegnata ad aiutare i beneficiari e gli studenti, gli alunni, i volontari e gli altri partecipanti ai programmi ad affrontare le conseguenze della pandemia.

La Commissione continuerà ad adeguare la sua risposta a questa situazione senza precedenti seguendone l'evoluzione, chiarendo e semplificando la fase esecutiva o le norme e procedure ove necessario in collaborazione con le agenzie nazionali Erasmus+ e con l'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA).

Domande frequenti

A chi rivolgere le domande sull'impatto della pandemia di Covid-19 sulle attività di Erasmus+ o del Corpo europeo di solidarietà?

Singoli partecipanti

Studenti, insegnanti, giovani, educatori, volontari, ecc., in difficoltà sono invitati a contattare il loro istituto o la loro organizzazione di appartenenza. Gli istituti e le organizzazioni devono mantenere un canale di comunicazione con i partecipanti ai loro progetti, anche se i loro locali sono chiusi.

Va tenuto presente che le risposte a richieste di informazioni su questioni finanziarie (rimborso, ammissibilità dei costi, condizioni per le sovvenzioni, ecc.) possono richiedere più tempo a causa dell'accesso ridotto a numerose istituzioni e organizzazioni.

Altre domande per i partecipanti

Organizzazioni beneficiarie

Università, scuole, organizzazioni giovanili, ecc. sono invitate a contattare per assistenza l'agenzia che finanzia il loro progetto, vale a dire:

  • l'agenzia nazionale del rispettivo paese di appartenenza, per la maggior parte delle azioni del programma Erasmus+ e del Corpo europeo di solidarietà. Agenzie nazionali sono presenti negli Stati membri dell'UE e in Macedonia del Nord, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Turchia, Serbia e Regno Unito
  • l'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA) per le azioni centralizzate di Erasmus+ e del Corpo europeo di solidarietà, come i diplomi di laurea magistrale comuni Erasmus Mundus, le azioni Jean Monnet, l'iniziativa delle università europee, i centri di eccellenza professionale, lo sviluppo delle competenze, l'iniziativa "Giovani europei uniti" o i gruppi di volontariato in settori ad alta priorità.

Altre domande per le organizzazioni

Altri partner dei progetti

I partner che non sono beneficiari del progetto (università, scuole, organizzazioni giovanili, ecc.) dovrebbero concertarsi con il coordinatore (beneficiari) del rispettivo progetto.

Vedere anche

Scheda informativa: consigli pratici per i partecipanti

Impatto più ampio

Informazioni sulla risposta della Commissione europea all'emergenza coronavirus

Condividi questa pagina