Indice
Cerca nella guida

Azione chiave 3: Sostegno alle riforme delle politiche

Le attività a sostegno della riforma delle politiche mirano al raggiungimento degli obiettivi dell'agenda politica europea, in particolare del quadro strategico per la cooperazione europea nei settori dell'istruzione e della formazione (ET 2020) e della strategia europea per la gioventù.

Quali sono le azioni sostenute?

La seguente azione è attuata attraverso la presente guida al Programma:

  • Progetti di dialogo giovanile.

La parte B di questa guida fornisce informazioni dettagliate sui criteri e sulle norme di finanziamento applicate a questa azione.

Inoltre, l'Azione chiave 3 copre molte altre azioni a sostegno della riforma delle politiche nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù, che sono attuate direttamente dalla Commissione europea o mediante specifici inviti a presentare proposte gestiti dall'Agenzia esecutiva. Ulteriori informazioni sono disponibili nei siti web della Commissione europea, dell'Agenzia esecutiva e delle Agenzie nazionali. Una breve descrizione di queste azioni è riportata di seguito:

Conoscenza nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù, comprese la raccolta delle prove, l'analisi e l'apprendimento tra pari. In particolare:

  • conoscenze tematiche e specifiche per ciascun paese, studi sulle questioni e sulle riforme delle politiche, comprese le attività svolte dalla rete Eurydice;
  • sostegno alla partecipazione dei paesi che partecipano ad Erasmus+ ai sondaggi europei/internazionali allo scopo di monitorare tendenze e sviluppi specifici, compresa l'evoluzione dello sviluppo delle competenze linguistiche in Europa;
  • eventi della presidenza dell'UE, conferenze e riunioni di alto livello;
  • scambi di esperienze e buone pratiche e revisioni tra pari;
  • sostegno all'attuazione dei metodi aperti di coordinamento.

Iniziative per l'innovazione delle politiche volte a sviluppare nuove politiche o a predisporne l'attuazione. Queste iniziative includono specifici inviti a presentare proposte gestiti dall'Agenzia esecutiva riguardo a: a) sperimentazioni sulle politiche europee, guidate dalle autorità pubbliche di alto livello, che comprendono prove sul campo su misure politiche basate su metodi di valutazione accurati in diversi paesi; b) a) progetti di cooperazione lungimiranti sullo sviluppo innovativo delle politiche;

Sostegno agli strumenti di politica europea, in particolare:

  • strumenti di trasparenza (abilità e qualifiche), per facilitare la trasparenza e il riconoscimento delle qualifiche, nonché il trasferimento dei crediti, per promuovere la garanzia di qualità, per sostenere la gestione e l'orientamento delle competenze. Questa azione includerà anche le reti per il sostegno all'attuazione di questi strumenti;
  • informazioni sulle competenze per lo sviluppo e il sostegno agli strumenti europei come la piattaforma online - panoramica europea delle competenze;
  • reti a sostegno di specifici settori politici come l'alfabetizzazione e l'apprendimento degli adulti, nonché l'animazione socioeducativa e l'informazione per i giovani (SALTO ed Eurodesk);
  • strumenti di istruzione superiore mirati - sviluppo e sostegno a strumenti come U-Multirank, sostegno al processo di Bologna o alla dimensione esterna dell'istruzione superiore;
  • gruppi nazionali di esperti delle riforme nell'istruzione superiore nei paesi interessati dalla politica europea per il vicinato e l'allargamento, nonché in Russia e in Asia centrale;
  • strumenti VET mirati per l'attuazione della carta di mobilità VET, per aumentare il livello di qualità della mobilità organizzata e per sostenere le autorità nazionali nei tirocini per aumentare la qualità e l'offerta di tirocini in tutta Europa.

Cooperazione con organizzazioni internazionali, come l'OCSE e il Consiglio d'Europa. Questa azione promuoverà anche il dialogo politico con i paesi terzi nonché l'attrattiva internazionale dell'istruzione superiore europea nel mondo. Sosterrà anche la rete di esperti per la riforma dell'istruzione superiore nei paesi terzi confinanti con l'UE e le associazioni internazionali di ex allievi.

Il dialogo tra le parti interessate, la promozione delle politiche e del Programma, compresi:

  • cooperazione con la società civile a sostegno delle ONG europee e delle reti dell'Unione europea operanti nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù mediante uno specifico invito a presentare proposte gestito dall'Agenzia esecutiva;
  • eventi, riunioni, dibattiti e consultazioni pubblici con i decisori politici e i soggetti interessati sulle questioni politiche pertinenti (come il forum sull'istruzione, la formazione e la gioventù o la settimana europea della gioventù);
  • dialogo nel settore della gioventù, compreso il sostegno ai gruppi di lavoro nazionali nonché alle riunioni che promuovono il dialogo tra i giovani e i decisori politici (cfr. nel seguito);
  • attività di sensibilizzazione, di informazione e di diffusione sui risultati e sulle priorità politiche, sul Programma Erasmus+, sui suoi risultati e sulle sue potenziali sinergie con altri programmi dell'UE, in particolare i fondi strutturali e di investimento europei.

Le azioni attuate nell'ambito di questa azione chiave mirano a:

  • migliorare la qualità, l'efficienza e l'equità dei sistemi di istruzione e di formazione e le politiche per la gioventù mediante i metodi aperti di coordinamento;
  • sostenere l'attuazione delle raccomandazioni specifiche per i paesi derivanti dal semestre europeo;
  • promuovere la cooperazione transazionale e l'apprendimento reciproco tra le autorità competenti ai livelli politici più alti per migliorare sistemi, strutture e procedure;
  • sviluppare la conoscenza e la capacità analitica per sostenere una politica fondata su dati fattuali nell'ambito del quadro strategico per la cooperazione nei settori dell'istruzione e della formazione (ET 2020), della strategia europea per la gioventù e dei programmi politici specifici come i processi di Bologna e Copenaghen;
  • rendere disponibili dati comparativi accurati e analisi secondarie appropriate per la definizione di politiche europee e nazionali, facilitando la raccolta e l'analisi di prove sostanziali per valutare e monitorare l'attuazione delle politiche innovative e per incoraggiarne la trasferibilità e la scalabilità;
  • sostenere le reti europee e attuare strumenti che promuovano la trasparenza e il riconoscimento delle qualifiche e delle competenze acquisite mediante l'apprendimento formale, non formale e informale;
  • sostenere il coinvolgimento attivo delle reti della società civile e delle organizzazioni non governative nell'attuazione delle politiche;
  • sostenere i meccanismi di dialogo con i giovani e incoraggiare la loro partecipazione attiva alla vita democratica;
  • sostenere gli scambi di buone pratiche, il dialogo, l'apprendimento reciproco e la cooperazione tra i decisori politici, i professionisti e i soggetti interessati del Programma e dei paesi terzi;
  • sensibilizzare sui risultati delle politiche europee e del Programma Erasmus+ e facilitare il loro sfruttamento a livello locale, regionale o nazionale. Accrescere il profilo e l'attrattiva dell'istruzione superiore europea in tutto il mondo;
  • promuovere sinergie con altri programmi UE, come i fondi strutturali e di investimento europei, nonché con modelli di finanziamento a livello nazionale o regionale.