Coronavirus: conseguenze per i programmi di mobilità Erasmus+ e per il Corpo europeo di solidarietà

Published:
13/03/2020
  • La Commissione rispetta pienamente tutte le misure di contenimento attualmente adottate a livello nazionale, ed è consapevole che queste misure potrebbero compromettere la partecipazione di studenti, volontari e altri ai programmi di mobilità Erasmus+ e al Corpo europeo di solidarietà.
  • La situazione attuale fa sì che alcuni partecipanti siano impossibilitati a spostarsi dal paese di residenza o a tornare dal paese ospitante. In questo clima instabile, inoltre, alcuni genitori non consentono ai figli di viaggiare.
  • Per rispondere a queste incertezze stiamo attuando il programma con la massima flessibilità possibile, nei limiti del quadro giuridico applicabile.
  • Abbiamo fornito linee guida alle agenzie nazionali Erasmus+ perché facciano valere le clausole di forza maggiore. In questo modo potranno valutare la possibilità di accettare costi aggiuntivi fino a un importo massimo della sovvenzione, o rinviare le attività previste fino a 12 mesi per progetto. Anche le autorità nazionali sono state informate.
  • Stiamo monitorando molto attentamente la situazione e adotteremo qualunque misura aggiuntiva necessaria.

Condividi questa pagina