Marchio del patrimonio europeo

Il marchio è assegnato a siti selezionati per il loro valore simbolico, il ruolo che hanno svolto nella storia europea e le attività che offrono per avvicinare l'Unione europea ai suoi cittadini.

Di cosa si tratta?

I siti del patrimonio europeo costituiscono delle pietre miliari nella creazione dell'Europa attuale. Testimoni degli albori della civiltà oppure dell'Europa così come la conosciamo oggi, tutti questi siti celebrano e simboleggiano gli ideali, i valori, la storia e l'integrazione europei.

Dal 2013 questi siti vengono accuratamente selezionati per il loro valore simbolico, il ruolo che hanno svolto nella storia europea e le attività che offrono per avvicinare l'Unione europea ai suoi cittadini.

Che cosa rende unico il marchio del patrimonio europeo e in che cosa si differenzia dall'elenco del patrimonio mondiale dell'UNESCO? Le differenze fondamentali sono tre:

  • I siti del patrimonio europeo danno vita al discorso narrativo europeo e alla storia che esso racchiude. La loro rilevanza va ben oltre l'estetica.
  • L'obiettivo è promuovere la dimensione europea dei siti e garantirne l'accessibilità. Questo implica l'organizzazione di un'ampia gamma di attività didattiche, specialmente per i giovani.
  • I siti del patrimonio europeo possono essere visitati individualmente o come parte di un circuito. I visitatori possono toccare con mano la vastità e la portata di ciò che l'Europa ha da offrire e dei traguardi che ha raggiunto.

Quali siti hanno ricevuto il marchio?

Finora sono stati designati 48 siti:

Come fare per proporre un sito?

Nella sezione Come fare domanda sono disponibili maggiori informazioni sulla procedura.


Fotografia: Shutterstock

Want to give your feedback about this page?