Rappresentanza In Italia

Nuove misure contro riciclaggio e finanziamento del terrorismo

/italy/file/soldieuropublicdomainphotoflickr0jpg_itsoldi_euro_public_domain_photo_flickr_0.jpg

La Commissione adotta un elenco di paesi terzi con carenze nei sistemi antiriciclaggio e di lotta al finanziamento del terrorismo. I flussi di capitali da questi paesi saranno sottoposti a controlli più severi

14-07-2016

Oggi la Commissione europea ha adottato formalmente un elenco di paesi terzi con carenze strategiche nei loro regimi antiriciclaggio e di lotta al finanziamento del terrorismo, completando così il pacchetto di norme per la lotta contro il finanziamento del terrorismo e il riciclaggio di denaro presentato la settimana scorsa. Le banche dovranno effettuare controlli rafforzati (“misure di adeguata verifica”) sui flussi finanziari da questi paesi. 

Vĕra Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, ha dichiarato: "Questo elenco è parte del nostro impegno complessivo nella lotta contro il finanziamento del terrorismo e il riciclaggio di denaro.  Abbiamo bisogno di privare i terroristi e gli altri criminali delle loro risorse.  Per portare l’Europa all’avanguardia della lotta mondiale contro il riciclaggio di denaro abbiamo proposto una serie di controlli più severi da mettere in atto a livello europeo sui flussi di capitali provenienti da questi paesi." 

Il 5 luglio la Commissione ha proposto di armonizzare l’elenco dei controlli applicabili ai paesi ad alto rischio per impedire carenze nei sistemi europei che permetterebbero ai terroristi di operare mediante i paesi con un livello di protezione inferiore. 

L’UE continuerà a essere impegnata nei paesi terzi interessati in tutti i settori rilevanti, compresa la cooperazione allo sviluppo, proprio perché l’obiettivo finale è un progresso che consenta di rimuoverli dall’elenco. L’elenco sarà rivisto almeno tre volte l’anno dopo le riunioni della task force di azione finanziaria che valuterà la situazione. 

Il regolamento delegato sarà ora trasmesso al Parlamento europeo e al Consiglio che hanno un mese (prorogabile a due) per esprimere obiezioni. Se non verranno sollevate obiezioni  il regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale.

 

Per saperne di più  

Elenco dei paesi terzi coinvolti