Rappresentanza In Italia

Consultazione pubblica sull'offerta transfrontaliera di servizi

/italy/file/commercioelettronicofreepikjpg_itcommercio_elettronico_freepik.jpg

Oggi la Commissione apre una consultazione pubblica per raccogliere idee su come agevolare la fornitura di servizi transfrontalieri nell'UE.

05-05-2016

Come annunciato nella strategia per il mercato unico, entro la fine del 2016 la Commissione intende proporre un passaporto per i servizi con l'obiettivo di semplificare le procedure amministrative per i fornitori di servizi che vogliono operare in altri Stati membri.

La Commissione vuole anche raccogliere pareri su come superare gli ostacoli normativi nei settori fondamentali dei servizi alle imprese e delle costruzioni e su come migliorare l'accesso alla copertura assicurativa di responsabilità professionale per i fornitori di servizi che operano oltre confine.

Elżbieta Bieńkowska, Commissaria responsabile per il Mercato interno, l'industria, l'imprenditoria e le PMI, ha dichiarato: "Sebbene i servizi costituiscano i due terzi dell'economia dell'UE, la loro fornitura transfrontaliera è poco sviluppata, in particolare nel settore dei servizi alle imprese (servizi contabili e ingegneristici) e delle costruzioni. Grazie al passaporto per i servizi diminuiranno le complessità amministrative per i fornitori, piccoli o grandi che siano. Il mercato unico, promuovendo mercati dinamici dei servizi, contribuirà a ridurre i costi dei servizi e ad aumentare la scelta per i consumatori."

Il passaporto per i servizi mira a garantire ai fornitori certezza del diritto e chiarezza in merito alle norme che devono rispettare se vogliono operare in un altro Stato membro. Esaminando il ruolo delle prescrizioni normative e dei requisiti assicurativi nelle attività dei fornitori di servizi e l'opportunità di ridurli, se necessario, la Commissione intende sfruttare appieno il mercato unico per favorire la crescita.