Rappresentanza In Italia

Unione europea della salute: la Commissione avvia un "dialogo strutturato" per affrontare le vulnerabilità nella fornitura di medicinali nell'UE

/italy/file/farmacijpg_itfarmaci.jpg

farmaci.jpg
copyright pixabay

Oggi la Commissione ha avviato un dialogo strutturato con gli attori della catena di fabbricazione dei medicinali nel quadro della strategia farmaceutica per l'Europa.

26-02-2021

Il dialogo, che coinvolge le autorità nazionali, i pazienti, le organizzazioni non governative attive nel settore della salute e la comunità della ricerca, è volto a comprendere meglio il funzionamento delle catene globali di approvvigionamento dei medicinali e a individuare le cause e i fattori che determinano le vulnerabilità.

 

L'iniziativa contribuirà a rendere più resilienti le nostre catene di approvvigionamento, in particolare a sviluppare la capacità di produzione di principi attivi, materie prime e medicinali critici nell'UE al fine di garantire una migliore preparazione in caso di future pandemie sanitarie, alla luce dell’esperienza maturata con la COVID-19. L'iniziativa potrebbe inoltre contribuire all'istituzione della nuova autorità dell'UE per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA).

L'avvio del dialogo fa seguito alla richiesta del Consiglio europeo di rafforzare l'autonomia strategica dell'UE nel settore dei farmaci, poiché la crisi COVID-19 ha sollevato preoccupazioni in merito a possibili carenze di determinati medicinali e a una possibile dipendenza dell'UE dalle importazioni da paesi terzi.

Il Vicepresidente Schinas ha aperto l'evento e i Commissari Kyriakides e Breton hanno moderato una tavola rotonda con le parti interessate. La Presidenza portoghese è stata rappresentata da Marta Temido, Ministro della Salute, mentre il Parlamento europeo è stato rappresentato dalle deputate Dolores Montserrat e Nathalie Colin-Oesterlé.

Il dialogo strutturato, coordinato dalla Commissione, ha lo scopo di generare informazioni e analisi sull'approvvigionamento di medicinali attraverso una serie di riunioni di lavoro che seguiranno a livello di esperti. Si tratta di una delle iniziative faro della strategia farmaceutica, adottata nel novembre 2020, e servirà a presentare, entro la fine di quest'anno, una serie di raccomandazioni strategiche per affrontare le vulnerabilità individuate nella catena di approvvigionamento dei farmaci, al fine di rafforzare la resilienza dei nostri sistemi sanitari. In ultima analisi, garantirà che i medicinali siano sempre a disposizione dei pazienti che ne hanno bisogno nell'Unione europea. Maggiori informazioni sono disponibili qui.