Rappresentanza In Italia

L'UE finanzia progetti per un valore di 5,1 milioni di euro volti a sostenere la libertà e il pluralismo dei media

/italy/file/ecpmflogo_itecpmf_logo

ecpmf_logo
copyright EU

L’UE sostiene la libertà e il pluralismo dei media mettendo a disposizione 5,1 milioni di euro per diversi progetti che verranno realizzati a partire dal marzo 2020.

02-03-2020

 

Vĕra Jourová, Vicepresidente per i Valori e la trasparenza, ha dichiarato: "La democrazia non può funzionare senza mezzi di comunicazione liberi e indipendenti. I giornalisti dovrebbero poter lavorare senza timori o favoritismi. I progetti di oggi sono solo un inizio. La Commissione si è impegnata più che mai a contribuire al rafforzamento della libertà e del pluralismo dei media, obiettivo fondamentale del nostro prossimo piano d'azione europeo per la democrazia”.

Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno, ha dichiarato: "La strategia volta a plasmare il futuro digitale dell'Europa, da noi recentemente presentata, riafferma il nostro costante sostegno al settore dei media. Il nostro obiettivo è aumentarne la competitività e garantire ai cittadini l'accesso a contenuti di qualità e al pluralismo dei media”.

Il primo progetto, diretto dal Centro europeo per la libertà di stampa e dei media, si concentrerà sull'istituzione di un meccanismo di risposta paneuropeo nei casi di violazioni della libertà dei media per individuare, affrontare e prevenire potenziali violazioni nel settore e per fornire assistenza pratica ai giornalisti a rischio.

Il secondo progetto, un fondo transfrontaliero di giornalismo investigativo gestito dall'International Press Institute, sosterrà le indagini che coinvolgono giornalisti di almeno due Stati membri.

Infine, una serie di progetti già finanziati svilupperà attività volte a sostenere un giornalismo indipendente e collaborativo (ad esempio formazione e guide pratiche) e promuovere la libertà dei media in tutta l'UE.

Nel contempo, l'osservatorio Media Pluralism Monitor, che si occupa di individuare i rischi per il pluralismo dei media in tutta Europa, è stato rinnovato per un altro anno.

Le conclusioni preliminari della relazione di quest'anno saranno discusse nel corso dell'evento “Media e democrazia: la via da seguire", previsto per il 20 marzo a Bruxelles, e la serie completa delle relazioni dovrebbe essere pubblicata nell’aprile 2020. Infine, due progetti pilota in corso – per un valore complessivo pari a 1,7 milioni di euro - completano l'azione dell'UE in questo settore, sostenendo la mobilità dei giovani professionisti dei media e promuovendo i consigli dei media nell'era digitale. Maggiori informazioni sui progetti sono disponibili qui