Rappresentanza In Italia

Coronavirus: la Commissione adotta una raccomandazione sui test antigenici rapidi e sostiene l'aumento della capacità di effettuare test

/italy/file/tampone_ittampone

tampone
copyright pixabay

Oggi la Commissione europea ha adottato una raccomandazione sull'uso dei test antigenici rapidi per la diagnosi della COVID-19, che fa seguito alla raccomandazione della Commissione del 28 ottobre, volta a garantire un approccio comune e una maggiore efficienza delle strategie di test in tutta l'UE, e che si basa sugli orientamenti elaborati con il contributo degli Stati membri e degli esperti del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

18-11-2020

La raccomandazione fornisce orientamenti sulle modalità di selezione dei test antigenici rapidi, sui contesti in cui il loro uso è opportuno e sulle persone che dovrebbero effettuarli, e chiede la convalida e il riconoscimento reciproco dei test e dei relativi risultati. È stata pubblicata alla vigilia della riunione virtuale dei leader europei, del 19 novembre, sulla risposta dell'UE alla pandemia di COVID-19, che fa seguito al Consiglio europeo del 29 ottobre, dove si è convenuto di rafforzare il coordinamento sui metodi di test.

La Commissione europea ha anche concluso un accordo con la Federazione internazionale delle società nazionali di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa (IFRC) che prevede un contributo di €35,5 milioni, finanziati mediante lo strumento per il sostegno di emergenza (ESI), per incrementare la capacità di effettuare test per la COVID-19 nell'UE. Il finanziamento sarà utilizzato per la formazione del personale adibito al prelievo e all'analisi dei campioni e all'esecuzione dei test, in particolare con attrezzature mobili.

Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: "I test ci indicano in quale misura e in quali aree si sta diffondendo il virus e come si sta evolvendo la situazione, e costituiscono uno strumento decisivo per rallentare la diffusione della COVID-19. Per migliorare il coordinamento sui metodi di test a livello dell'UE mettiamo oggi a disposizione degli Stati membri orientamenti sull'uso dei test antigenici rapidi per una migliore gestione dei focolai di COVID-19. Affinché la strategia di test risulti efficace, occorre dotarsi delle risorse necessarie, ed è per questo che oggi aumentiamo il nostro sostegno per incrementare la capacità degli Stati membri di effettuare test. Sostegno e solidarietà sono fondamentali per superare la pandemia in corso."

Il testo integrale del comunicato stampa è disponibile online.