Rappresentanza In Italia

Gli Stati membri dell'UE stabiliscono un valore limite per mantenere pulite le spiagge europee

/italy/file/pontile-sul-mare_it

pontile sul mare

Oggi, alla vigilia della Giornata internazionale della pulizia (World CleanUp Day) in programma il 19 settembre, la Commissione fissa un valore limite per i rifiuti marini sulle coste, per contribuire a pulire le spiagge europee e a mantenerle pulite.

18-09-2020

Gli esperti degli Stati membri dell'UE hanno convenuto che una spiaggia dovrà avere meno di 20 rifiuti ogni 100 metri di costa per restare al di sotto della soglia. Questo valore costituisce il primo obiettivo fisso e tangibile per tutte le spiagge europee e rappresenta un impegno significativo a mantenerle pulite.

Virginijus Sinkevičius, Commissario per l'Ambiente, ha dichiarato: "Questo accordo dimostra che abbiamo intensificato la lotta contro i rifiuti sulle spiagge e sulle coste, con benefici per l'ambiente, per l’economia blu e per tutti noi, e rafforza l’impegno a progredire verso l’obiettivo ambizioso di inquinamento zero in sinergia con gli obiettivi in materia di biodiversità. Ora disponiamo di un parametro di riferimento più chiaro per mari puliti e sani e invito le autorità degli Stati membri a utilizzare questo valore e ad adottare le misure necessarie per avere spiagge libere dai rifiuti. La riduzione della plastica monouso, una migliore gestione dei rifiuti e la promozione del riciclaggio ci aiuteranno a raggiungere lo scopo".

Mariya Gabriel, Commissaria per l'Innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e i giovani, responsabile del Centro comune di ricerca (JRC), ha aggiunto: "Questo nuovo valore limite per i rifiuti sulle spiagge è un altro fulgido esempio di scienza al centro delle scelte giuste per un'Europa più verde e più sostenibile. I nostri esperti del Centro comune di ricerca, insieme agli Stati membri, hanno analizzato i dati provenienti da tutta Europa e hanno lavorato con i servizi della Commissione per contribuire a fissare un obiettivo che manterrà pulite le nostre spiagge."

Il valore limite per i rifiuti sulle spiagge è stato determinato nell'ambito della direttiva quadro sulla strategia per l'ambiente marino della Commissione, che impone agli Stati membri di elaborare e attuare strategie per proteggere l'ambiente marino. Per sensibilizzare in merito alla sfida dei rifiuti marini e invitare i cittadini di tutto il mondo ad agire, la Commissione europea e il Servizio europeo per l'azione esterna stanno organizzando la terza edizione della campagna #EUBeachCleanup. Il valore limite dimostra l'impegno dell'UE a raggiungere l'obiettivo di sviluppo sostenibile n. 14.1 delle Nazioni Unite di ridurre in modo significativo l'inquinamento marino entro il 2025. Il comunicato stampa e la relazione tecnica del JRC sul valore limite sono disponibili online.