Rappresentanza In Italia

La Commissione inaugura la Settimana europea della mobilità 2020 per promuovere una mobilità a emissioni zero

/italy/file/settimana-europea-mobilit%C3%A0-2020_itsettimana europea mobilità 2020

settimana europea mobilità 2020
copyright EC

Domani si aprirà la 19a Settimana europea della mobilità, la campagna annuale della Commissione europea per promuovere una mobilità urbana pulita e sostenibile.

15-09-2020

Domani si aprirà la 19a Settimana europea della mobilità, la campagna annuale della Commissione europea per promuovere una mobilità urbana pulita e sostenibile. Dal 16 al 22 settembre migliaia di città di oltre 40 paesi organizzeranno attività che metteranno in primo piano la mobilità a zero emissioni per tutti. Durante la settimana ci sarà anche la ormai famosa giornata senza auto, in cui le strade saranno chiuse al traffico e percorribili solo a piedi, in bicicletta, con monopattini elettrici, ecc.

Adina Vălean, Commissaria per i Trasporti, ha dichiarato: "Quest'anno le nostre città affrontano una grande sfida, ma la pandemia ha anche evidenziato che i cittadini apprezzano e si aspettano città più sicure, più pulite e accessibili a tutti. Per tutta la settimana e oltre, le città partecipanti da tutta Europa ci mostreranno come potrebbero essere le città europee, più verdi e più digitali.

In collaborazione con la Settimana europea della mobilità, la rete europea delle forze di polizia stradale (ROADPOL) organizza una nuova campagna per la sicurezza stradale - le Giornate della sicurezza. Le forze di polizia nazionali registreranno il numero di vittime della strada il 17 settembre, con l'obiettivo di azzerare i decessi in quel giorno.

Il tema di quest'anno della Settimana europea della mobilità "Mobilità a zero emissioni per tutti" rispecchia non solo gli obiettivi ambiziosi del Green Deal europeo di un continente a zero emissioni di carbonio entro il 2050, ma anche l'importanza, spesso trascurata, dell'accessibilità ai trasporti a zero emissioni. Maggiori informazioni sono disponibili qui.