Rappresentanza In Italia

Risposta globale al coronavirus: l'UE stanzia altri €100 milioni a sostegno della ricerca sui vaccini

/italy/file/vaccini_itvaccini

vaccini

La Commissione europea stanzai un ulteriore sostegno di €100 milioni per lo sviluppo rapido di vaccini contro il coronavirus.

22-07-2020

 

La Commissione cofinanzierà con €100 milioni un bando pubblicato dalla Coalizione per l’innovazione in materia di preparazione alle epidemie (CEPI) per sostenere lo sviluppo rapido di vaccini contro il coronavirus. Il sostegno dell'UE rientra nell'impegno della Commissione a investire €1 miliardo da Orizzonte 2020, il programma di ricerca e innovazione dell'UE, in ricerca e innovazione urgentemente necessarie per sviluppare test diagnostici, cure, vaccini e altri strumenti di prevenzione per contrastare la diffusione del coronavirus.

Mariya Gabriel, Commissaria per l'Innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e i giovani, ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di cure e vaccini efficaci per eliminare il pericolo del coronavirus. Per questo siamo orgogliosi di sostenere la CEPI nel suo impegno a sviluppare rapidamente i vaccini candidati più promettenti."

In risposta alla pandemia di coronavirus, la CEPI, un partenariato globale istituito nel 2017 per sviluppare vaccini per prevenire future epidemie, sta lavorando per sviluppare rapidamente un ampio portafoglio dei vaccini candidati più avanzati contro il coronavirus e per garantire che siano pronti per la produzione in scala, in collaborazione con i partner dell’industria. Il sostegno di Orizzonte 2020 alla CEPI finanzierà attività di ricerca e innovazione, ma non la produzione dei vaccini.

Maggiori informazioni sul bando sono disponibili qui e su come ricerca e innovazione nell'UE sostengono la lotta contro il coronavirus e la ripresa qui. Nel quadro dell’iniziativa di risposta globale al coronavirus promossa dalla Presidente von den Leyen, finora sono stati impegnati €15,9 miliardi per l'accesso universale ai test, alle cure e ai vaccini, per contrastare la pandemia di coronavirus e favorire la ripresa mondiale.