Rappresentanza In Italia

La Commissione approva il regime di garanzia modificato dell’Italia a sostegno di lavoratori autonomi, PMI e imprese a media capitalizzazione colpiti dal coronavirus

/italy/file/bandiera-ue-con-scritta-aiuti-di-stato_itbandiera ue con scritta aiuti di stato

bandiera ue con scritta aiuti di stato
copyright pixabay modified

La Commissione europea ritiene che le modifiche del regime già approvato dell’Italia per compensare i lavoratori autonomi e le imprese (con meno di 500 dipendenti) colpiti dalla pandemia di coronavirus è in linea con le norme dell'UE in materia di aiuti di Stato, in particolare con il quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato adottato dalla Commissione il 19 marzo scorso e successivamente modificato il 3 aprile e l’8 maggio.

17-06-2020

Il regime dell’Italia era stato approvato il 13 aprile scorso con il numero SA.56966. Il bilancio del regime è notevolmente aumentato e, come notificato dall'Italia, ammonta ora a 25 miliardi di EUR (rispetto agli 1,7 miliardi iniziali) e dovrebbe mobilitare 150 miliardi di EUR. Inoltre, la scadenza dei prestiti integralmente garantiti per un importo massimo fino a 30 000 EUR è stata posticipata da sei a dieci anni.

La Commissione ha concluso che il regime, come modificato, resta necessario, adeguato e proporzionato per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia italiana, in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. La Commissione ha approvato il regime modificato ai sensi delle norme UE in materia di aiuti di Stato. La versione non riservata della decisione sarà disponibile con il numero SA.57625 nel registro degli aiuti di Stato sul sito internet della Commissione dedicato alla concorrenza.