Rappresentanza In Italia

Coronavirus: la Commissione annuncia misure eccezionali a sostegno del settore agroalimentare

/italy/file/banco-del-mercato_itbanco del mercato

banco del mercato
copyright pixabay

Ieri la Commissione ha proposto altre misure eccezionali per sostenere ulteriormente i settori agroalimentari più colpiti. Il comparto agroalimentare dell'UE ha dato prova di resilienza durante la pandemia di coronavirus, tuttavia alcuni mercati sono stati duramente colpiti dalle conseguenze di questa crisi sanitaria.

23-04-2020

Il pacchetto presentato comprende misure di aiuto all'ammasso privato nei settori lattiero-caseario e delle carni, l'autorizzazione di misure di auto-organizzazione dei mercati da parte degli operatori dei settori duramente colpiti e l'introduzione della flessibilità nei programmi di sostegno al mercato per i prodotti ortofrutticoli, il vino e altri comparti.

Il Commissario per l'Agricoltura, Janusz Wojciechowski, ha dichiarato: "Il settore agroalimentare risente in misura crescente delle conseguenze della crisi da coronavirus ed è per questo che abbiamo deciso di agire celermente, ad integrazione delle misure già adottate sin dall'inizio della crisi. A fronte degli attuali sviluppi del mercato, le misure proposte mirano a stabilizzare i mercati e sono ritenute le più idonee a garantire la stabilità dei prezzi e della produzione futuri e, di conseguenza, anche dell'approvvigionamento e della sicurezza alimentare. Il nuovo eccezionale pacchetto di misure che annunciamo intende sostenere i settori agroalimentari maggiormente colpiti affrontando le problematiche già rilevate e i rischi futuri. Sono certo che queste misure allevieranno la situazione dei mercati e porteranno presto a risultati concreti."

Questo pacchetto di misure fa seguito ad un pacchetto completo di altre misure precedentemente adottate dalla Commissione per sostenere il settore agroalimentare nel contesto dell'attuale crisi, ad esempio l'aumento degli importi destinati agli aiuti di Stato, il versamento di anticipi più consistenti e la proroga dei termini per la presentazione delle domande di pagamento. La maggiore flessibilità riguardante le norme della politica agricola comune mira ad alleviare l'onere amministrativo a carico degli agricoltori e delle amministrazioni nazionali. Il testo integrale del comunicato stampa è disponibile online.