Rappresentanza In Italia

L’UE investe 35 milioni di euro nello sviluppo di soluzioni di intelligenza artificiale per la prevenzione e la cura del cancro

/italy/file/artificialintelligencenewsjpg_itartificial_intelligence_news.jpg

artificial_intelligence

Oggi la Commissione europea ha aperto un invito a presentare proposte, con uno stanziamento di 35 milioni di euro, a favore dello sviluppo dell’analisi delle immagini medicali per la diagnosi del cancro, basata sull’intelligenza artificiale, e di altri strumenti e tecniche di analisi per la prevenzione, la previsione e la cura delle forme più comuni di cancro.

09-07-2019

 

L’invito rientra nel programma Orizzonte 2020, con cui la Commissione sta investendo 177 milioni di euro complessivi nella trasformazione digitale della sanità e dell’assistenza e in soluzioni digitali affidabili e cibersicurezza nella sanità e nell’assistenza.

 

Il Commissario per la Salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis ha dichiarato: “La collaborazione trasversale aumenterà e migliorerà la nostra capacità di aiutare i pazienti, grazie alla condivisione e all’interpretazione dei progressi tecnologici nella prevenzione e nella previsione della diagnosi e della cura del cancro in tutta l’UE.” La Commissaria per l'Economia e la società digitali Mariya Gabriel, ha aggiunto: “L’investimento di oggi ribadisce il nostro pieno sostegno alle tecnologie avanzate che plasmeranno il futuro della sanità nell’Unione europea. Insieme agli Stati membri, dobbiamo istituire un quadro che trovi un equilibrio tra le preoccupazioni dei singoli e i vincoli dei sistemi sanitari, favorendo al contempo l’innovazione nell’assistenza sanitaria a beneficio di tutti gli europei.”

 

Domani la Commissaria Gabriel convocherà la seconda tavola rotonda di alto livello che riunisce rappresentanti della Commissione europea, dell’industria farmaceutica, delle biotecnologie e delle tecnologie mediche e della società civile. La Commissaria discuterà della tabella di marcia fissata nella comunicazione sulla trasformazione digitale della sanità e dell’assistenza, adottata ad aprile 2018, e di altri temi importanti quali le prossime tappe relative alla raccomandazione sull’interoperabilità dei sistemi di cartelle cliniche elettroniche, di recente adozione, l’intelligenza artificiale e il calcolo ad alte prestazioni. Sottolineerà inoltre l’importanza di procedere con lo scambio transfrontaliero dei dati sanitari e di occuparsi degli aspetti relativi alla riservatezza e alla protezione dei dati ivi connessi.

 

Maggiori informazioni sulla trasformazione dell’assistenza sanitaria nel marcato unico digitale sono disponibili qui e sulle recenti iniziative della Commissione riguardanti importanti missioni di ricerca e innovazione, anche contro il cancro, qui.