Rappresentanza In Italia

Occorre fare di più per garantire a tutti i bambini in Europa l’accesso a servizi di educazione e cura della prima infanzia di qualità

/italy/file/childrenplayingeurydicejpg_itchildren_playing_eurydice.jpg

children_playing_eurydice
© EC

Oggi la rete Eurydice della Commissione europea ha pubblicato la sua ultima relazione dal titolo “Dati principali sull’educazione e la cura della prima infanzia in Europa”, che conclude che molti paesi europei non offrono accesso universale a servizi di educazione e cura della prima infanzia di elevata qualità.

04-07-2019

 

Il Commissario per l'Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics, ha dichiarato: “È evidente che dobbiamo fare di più per garantire a ciascun bambino nell’UE l’accesso a servizi di educazione e cura della prima infanzia di qualità. Si tratta di un requisito essenziale per consentire a tutti di affacciarsi alla vita nelle migliori condizioni e per costruire società eque, coese e resilienti. La relazione evidenzia le azioni intraprese dai singoli paesi per garantire accesso e qualità e ci consente di concentrare gli sforzi su aree specifiche di miglioramento. Alcuni paesi stanno lavorando bene, ma altri sono in ritardo. Mentre continuiamo a costruire un vero spazio europeo dell’istruzione, questa relazione è un punto di partenza utile per continuare a lavorare per garantire accesso universale in tutta l’UE.”

 

La relazione analizza sei dimensioni della qualità: governance, accesso, forza lavoro, orientamenti educativi e monitoraggio e valutazione dei sistemi di educazione e cura della prima infanzia. Questi aspetti sono al centro anche della raccomandazione del Consiglio sull’educazione e la cura della prima infanzia recentemente adottata, che è uno degli elementi essenziali dello spazio europeo dell’istruzione che la Commissione intende costruire con gli Stati membri entro il 2025. La raccomandazione mira a contribuire a sviluppare un’interpretazione comune di che cosa significa fornitura di servizi di buona qualità e a sostenere gli Stati membri nel miglioramento dell’accesso e della qualità dei loro sistemi.

Come evidenziato nella relazione pubblicata oggi, molti paesi europei non sono ancora in grado di offrire educazione e cura di buona qualità a tutte le età della prima infanzia e spesso mantengono una divisione tra cura dell’infanzia e istruzione pre-primaria.

 

La relazione è disponibile qui.