Rappresentanza In Italia

Gli Stati membri approvano il nuovo documento di viaggio provvisorio dell'UE

/italy/file/passaportojpg_itpassaporto.jpg

passaporto.jpg
copyright EU

La Commissione europea accoglie con favore l'approvazione definitiva, da parte dei Ministri degli Stati membri, della proposta della Commissione di creare un documento di viaggio provvisorio dell'UE più moderno.

19-06-2019

Dal 1996 i cittadini dell'UE che si trovano all'estero e il cui passaporto è rubato o smarrito, possono ottenere documenti di viaggio provvisori dalle ambasciate o dai consolati di Stati membri dell'UE diversi dal proprio. I passaporti smarriti o rubati rappresentano oltre il 60% dei casi di assistenza consolare fornita ai cittadini dell'UE. Il vecchio formato però non soddisfaceva gli standard di sicurezza attuali, come le tecniche di stampa di ultima generazione o la protezione contro la duplicazione per mezzo di ologrammi di sicurezza. Di conseguenza, alcuni Stati membri hanno smesso di utilizzarli.

 

La Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, Věra Jourová, ha dichiarato: "La perdita o il furto del passaporto durante un viaggio all’estero è fonte di grande stress. Le nuove norme adottate oggi consentiranno ai cittadini dell'UE di ricevere rapidamente da qualsiasi Stato membro un documento di viaggio provvisorio sicuro e ampiamente accettato per poter tornare a casa in condizioni di sicurezza. Si tratta di un esempio pratico dei vantaggi della cittadinanza e della solidarietà dell'UE."

 

Il nuovo documento di viaggio provvisorio dell'UE sarà basato sul formato e sulle caratteristiche di sicurezza dell'adesivo del visto Schengen. Il suo formato intuitivo comprenderà uno spazio per eventuali visti di transito e dovrebbe essere rilasciato entro sette giorni lavorativi (con alcune eccezioni). Gli Stati membri dovranno recepire le nuove norme nelle rispettive legislazioni nazionali entro due anni dall'adozione, da parte della Commissione, delle norme tecniche mancanti sui requisiti di progettazione e sicurezza.

 

Maggiori informazioni sul diritto dei cittadini dell'UE alla protezione consolare sono reperibili online.