Rappresentanza In Italia

Meccanismo per collegare l'Europa: la Commissione accoglie con soddisfazione l'accordo provvisorio raggiunto da Parlamento e Consiglio

/italy/file/trasportisito1jpg_it

strada trafficata

La proposta, che prevede il finanziamento di infrastrutture ad alta efficienza per collegare meglio i cittadini europei, dovrà ora essere approvata formalmente dai due legislatori.

08-03-2019

La Commissione europea accoglie con soddisfazione l'accordo provvisorio raggiunto dal Parlamento europeo e dal Consiglio sulla proposta relativa al meccanismo per collegare l'Europa (CEF), nell'ambito del prossimo bilancio UE a lungo termine 2021-2027.

La Commissaria per i Trasporti, Violeta Bulc, ha dichiarato: "Il nuovo meccanismo per collegare l'Europa rappresenta il fulcro dei trasporti europei. Garantirà la connettività, accelererà la decarbonizzazione e la digitalizzazione dell'economia UE creando sinergie tra le infrastrutture dei trasporti, dell'energia e digitali. In particolar modo, consentirà all'UE di completare entro il 2030 la sua rete centrale di trasporto, che costituisce la colonna portante del mercato unico e risponde alle esigenze degli operatori della logistica e dei passeggeri".

Miguel Arias Cañete, Commissario per l'Azione per il clima e l'energia, ha dichiarato: "L'accordo odierno ci permetterà di costruire le infrastrutture necessarie per la transizione verso l'energia pulita e consentirà di raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi climatici ed energetici per il 2030".

La Commissaria per l'Economia e la società digitali, Mariya Gabriel ha aggiunto: "Il nuovo meccanismo digitale per collegare l'Europa si concentrerà su investimenti infrastrutturali strategici - compresi i corridoi 5G lungo le principali vie di trasporto, che collegheranno gli utenti di tutta Europa con centri di calcolo ad alte prestazioni - nonché sulla connettività gigabit per le comunità 5G-ready".

Il nuovo programma permetterà all'Unione europea di svolgere un ruolo guida ai fini dell'azzeramento dell'impatto sul clima, in linea con la proposta "Un pianeta pulito per tutti" e di finanziare  infrastrutture per una mobilità sicura, pulita, sicura e connessa, come proposto dalla Commissione nel pacchetto "L'Europa in movimento". Il programma darà inoltre la priorità a modi di trasporto rispettosi dell'ambiente - come il trasporto ferroviario - e allo sviluppo di punti di ricarica per i veicoli che utilizzano carburanti alternativi. Il meccanismo per collegare l'Europa (Connecting Europe Facility - CEF) renderà i sistemi energetici più interconnessi, intelligenti e più sicuri, contribuendo a completare l'Unione dell'energia e a sostenere la transizione verso l'energia pulita. Ciò consentirà all'Europa di rimanere all'avanguardia nella transizione verso l'energia pulita, in linea con la priorità politica della Commissione Juncker di far sì che l'UE diventi il leader mondiale nel settore delle energie rinnovabili.