Rappresentanza In Italia

Legislazione di emergenza in caso di Brexit senza accordo, a che punto siamo?

/italy/file/bandieraue-uk250jpg_itbandiera_ue-uk_250.jpg

bandiera_ue-uk_250.jpg
copyright AP

Oggi il Segretario generale ha riferito al Collegio dei Commissari sui progressi compiuti in relazione alle proposte di emergenza della Commissione da attuare nella sgradita, ma possibile eventualità di Brexit senza accordo.

20-02-2019

Finora la Commissione ha presentato 19 proposte legislative, sulle quali sono stati compiuti progressi significativi in seno al Parlamento europeo e al Consiglio, che ne hanno adottate o concordate 7. Dodici proposte devono ancora essere finalizzate dai colegislatori, che stanno procedendo speditamente. Sono anche stati adottati alcuni atti non legislativi, compresi 10 atti delegati, 6 atti di esecuzione e 3 decisioni della Commissione. Tutti i testi sono disponibili qui.

Come sottolineato nelle precedenti comunicazioni della Commissione sui preparativi in vista della Brexit, le misure di emergenza non mitigheranno né potranno attenuare l'impatto complessivo di un mancato accordo, non compenseranno in alcun modo la mancanza di preparazione, né replicheranno tutti i vantaggi dell'appartenenza all'UE o le condizioni favorevoli di un eventuale periodo di transizione, come previsto nell'accordo di recesso. Queste proposte hanno un carattere temporaneo, una portata limitata e saranno adottate unilateralmente dall'UE; non si tratta di "mini accordi" e non sono state negoziate con il Regno Unito.

Oltre a questa attività legislativa, la Commissione ha intensificato il proprio impegno ad informare proattivamente il pubblico sull'importanza di prepararsi ad una Brexit senza accordo. Ha pubblicato 88 avvisi e 3 comunicazioni dettagliate sui preparativi in vista della Brexit. Questa settimana ha inoltre intensificato l'attività informativa rivolta alle imprese dell'UE per quanto concerne dogane e imposte indirette.

La Commissione continua a tenere dibattiti tecnici con i 27 Stati membri sia su questioni generali relative alle misure preparatorie e di emergenza che su questioni specifiche settoriali, giuridiche e amministrative.

Tra gennaio e marzo 2019 la Segretaria generale aggiunta della Commissione Céline Gauer e un gruppo di funzionari della Commissione hanno programmato visite alle capitali dei 27 Stati membri per fornire i chiarimenti necessari sulle azioni preparatorie e di emergenza della Commissione e per discutere dei preparativi e dei piani di emergenza nazionali. Oggi si trovano in Lettonia. Finora le visite hanno evidenziato un elevato grado di preparazione degli Stati membri a tutte le eventualità.

Le informazioni sulle attività preparatorie e di emergenza della Commissione sono disponibili qui:

https://ec.europa.eu/info/brexit/brexit-preparedness_it