Rappresentanza In Italia

L'antisemitismo nell'UE è in aumento

/italy/file/dirittifondamentaliimagezoocorbisjpg_it

Oggi la Commissione si esprime in merito a una nuova indagine svolta dall'Agenzia dell’UE per i diritti fondamentali, dalla quale emerge che 9 ebrei europei su 10 ritengono che l'antisemitismo sia aumentato negli ultimi 5 anni.

10-12-2018

I risultati dell'indagine sono particolarmente preoccupanti: l'85% degli ebrei in Europa ritiene che l'antisemitismo costituisca il maggior problema sociale o politico nel loro paese. Ulteriori cifre mostrano che l'antisemitismo è molto diffuso e che ha un impatto sulla vita quotidiana degli ebrei europei in tutta l'UE.

Il Primo Vicepresidente Frans Timmermans ha dichiarato: "L'aumento dell'antisemitismo evidenziato dalla relazione dell'Agenzia per i diritti fondamentali mi preoccupa profondamente. È essenziale lottare insieme e con forza contro questo flagello. La comunità ebraica deve sentirsi sicura e a casa in Europa. Se falliremo in questo intento, l'Europa non sarà più l'Europa."

Vĕra Jourová, Commissaria europea per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, ha aggiunto: "70 anni dopo la Shoah sono enormemente rattristata dal fatto che 9 ebrei su 10 in Europa dichiarino che l'antisemitismo è aumentato nell'ultimo quinquennio. La comunità ebraica dovrebbe sentirsi sicura e a casa in Europa, che navighi in rete o si rechi in sinagoga. La Commissione, unitamente agli Stati membri, agisce per lottare contro il crescente antisemitismo, combattere il negazionismo e far sì che gli ebrei ricevano tutto il sostegno delle autorità per sentirsi al sicuro."

I risultati dell'indagine confermano l'importanza dell'operato ininterrotto della Commissione per contrastare l'antisemitismo. Nel 2015 la Commissione ha nominato un coordinatore per la lotta contro l'antisemitismo, incaricato di mantenere i contatti con le comunità ebraiche e di rafforzare la collaborazione con le organizzazioni. Nel 2016 per affrontare la recrudescenza dell'antisemitismo in rete, la Commissione ha pubblicato un codice di condotta sull'illecito incitamento all'odio online e a giugno dello stesso anno ha istituito il Gruppo ad alto livello sulla lotta contro il razzismo, la xenofobia e le altre forme di intolleranza per potenziare la cooperazione e il coordinamento, allo scopo di prevenire e combattere più efficacemente i reati generati dall'odio e l'incitamento all'odio. Il testo integrale del comunicato stampa e i risultati dell'indagine dell'Agenzia per i diritti fondamentali sono disponibili online.