Rappresentanza In Italia

Siccità: la Commissione presenta misure supplementari a sostegno degli agricoltori

/italy/file/rubinettox250png_itrubinettox250.png

Rubinetto dell'acqua
copyright Pixabay

La Commissione ha presentato oggi una serie di misure supplementari per sostenere il settore agricolo europeo in grave difficoltà a causa della siccità.

30-08-2018

La Commissione europea è impegnata a sostenere il settore agricolo europeo in grave difficoltà a seguito dalla siccità di quest’estate e ha presentato oggi una serie di misure supplementari per aumentare la disponibilità di risorse zootecniche per il bestiame, uno dei principali problemi con cui sono confrontati gli agricoltori. Questo pacchetto integra le misure già annunciate dalla Commissione all’inizio di agosto.

Il Commissario europeo per l’Agricoltura Phil Hogan ha dichiarato: "La Commissione ha reagito fin dai primi segnali di questi eventi climatici estremi e personalmente continuo a seguire attentamente la situazione. Sono in contatto con i Ministri dei paesi interessati per valutare le esigenze e le misure già in vigore. Oggi adottiamo nuovi provvedimenti che dovrebbero consentire di aiutare ulteriormente gli agricoltori europei che si trovano ad affrontare una penuria di mangimi per i loro animali. Accolgo con favore i recenti annunci di vari Stati membri, che si sono dichiarati pronti ad agire per sostenere il settore agricolo e mi impegno a continuare a lavorare insieme per garantire che utilizzino appieno le opportunità offerte, in particolare dalla politica agricola comune."

Le deroghe presentate oggi riguardano in particolare alcune norme sull'inverdimento connesse, tra l’altro, alle colture intermedie. È stata ufficialmente presentata oggi anche la proposta di autorizzare i pagamenti anticipati, già annunciata alcune settimane fa. La Commissione è in contatto con tutti gli Stati membri per ricevere informazioni aggiornate sulle conseguenze della siccità entro il 31 agosto. Ulteriori informazioni sulle misure presentate oggi sono disponibili qui.