Rappresentanza In Italia

DiscoverEU: quest'estate 15 000 giovani potranno viaggiare nell'UE

/italy/file/discovereujpg-0_itdiscover_eu.jpg

discover_eu.jpg
copyright EU

 I 15 000 vincitori saranno presto contattati e potranno visitare fino a quattro destinazioni europee al di fuori del proprio paese d'origine. Tutti i viaggi dovranno avere inizio tra il 9 luglio e il 30 settembre 2018.

28-06-2018

Nella prima tornata dell'iniziativa DiscoverEU della Commissione europea, hanno presentato domanda 100 000 giovani da tutti gli Stati membri. Il periodo per la presentazione delle domande, della durata di due settimane, si è chiuso il 26 giugno alle ore 12:00 e l'elenco definitivo dei vincitori è stato confermato ieri (27 giugno) in base ai criteri di aggiudicazione annunciati.

Il Commissario per l'Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics, ha dichiarato: "Sono lieto che 15 000 giovani riceveranno molto presto la buona notizia di aver vinto un biglietto DiscoverEU. Sono certo che l'esperienza che faranno quest'estate cambierà in meglio la loro vita. I giovani di tutta Europa hanno dimostrato un interesse enorme per questa iniziativa e mi auguro che molti altri ragazzi potranno sfruttare questa opportunità di viaggio quest'anno e in futuro."

I 15 000 vincitori saranno contattati presto in modo da poter prenotare il viaggio. Potranno viaggiare sia da soli che in gruppo (fino a cinque persone) per un massimo di 30 giorni e potranno visitare fino a quattro destinazioni europee al di fuori del proprio paese d'origine. Tutti i viaggi dovranno avere inizio tra il 9 luglio e il 30 settembre 2018. Come regola generale, i giovani viaggeranno in treno, ma in casi eccezionali si potranno utilizzare anche mezzi di trasporto alternativi.

Poiché il 2018 è l'Anno europeo del patrimonio culturale, i ragazzi avranno la possibilità di partecipare agli eventi organizzati nel periodo estivo nel quadro dell'iniziativa. Una seconda tornata di candidature, con in palio fino a 10 000 biglietti, si svolgerà nell'autunno 2018. Un comunicato stampa è disponibile