Rappresentanza In Italia

Relazione sullo stato delle relazioni UE-Tunisia: verso il rafforzamento del partenariato privilegiato

/italy/file/tunisiajpg_ittunisia.jpg

tunisia
copyright EU

Oggi i servizi della Commissione europea e il Servizio europeo per l'azione esterna hanno pubblicato la relazione sui progressi compiuti nelle relazioni UE-Tunisia, in vista del consiglio di associazione UE-Tunisia previsto il 15 maggio prossimo a Bruxelles.

08-05-2018

La relazione sottolinea l'intensità degli scambi ad alto livello, del dialogo e della cooperazione su questioni essenziali come l'occupabilità dei giovani, le riforme, il consolidamento democratico, la promozione della buona governance, la risposta alle sfide comuni in materia di sicurezza, con il ruolo sempre centrale della società civile tunisina, e la gestione collaborativa delle migrazioni.

L'Alto rappresentante/vicepresidente Federica Mogherini ha dichiarato: "L'UE e la Tunisia sono partner naturali per via dei loro legami geografici, culturali e commerciali. Ci teniamo ad approfondire il nostro partenariato privilegiato e l'impegno dell'Unione europea per una Tunisia democratica, forte e prospera resta costante. Agiamo soprattutto pensando alle aspirazioni della gioventù tunisina, per la quale abbiamo avviato un partenariato per la gioventù nel 2016, che stiamo consolidando. Le elezioni municipali del 6 maggio, alle quali abbiamo partecipato in qualità di osservatori, su invito del governo tunisino, hanno rappresentato una tappa importante nel consolidamento democratico del paese e nell'attuazione della costituzione del 2014, e aprono la strada a un ambizioso processo di decentramento."

Il Commissario per la Politica europea di vicinato e i negoziati di allargamento Johannes Hahn ha aggiunto: "L'UE continua a mobilitare tutti i suoi strumenti di cooperazione per accompagnare la transizione politica e socioeconomica in Tunisia. Questo impegno si traduce, tra l'altro, in un'assistenza finanziaria rafforzata (nel 2017 la Commissione europea ha mobilitato 300 milioni di euro sotto forma di sovvenzioni). La popolazione chiede progressi e risultati concreti e l'attuale situazione economica richiede un'accelerazione del processo di riforme istituzionali e socioeconomiche. In questo contesto, mi compiaccio del fatto che il mese scorso a Bruxelles il Capo del governo tunisino abbia presentato una tabella di marcia delle riforme prioritarie."

La relazione rileva l'ulteriore sviluppo delle relazioni UE-Tunisia e l'intensificazione della cooperazione nei molteplici ambiti del partenariato privilegiato. Il comunicato stampa completo e la relazione sono disponibili online.