Rappresentanza In Italia

La Commissione si rallegra per l'ambizioso accordo sulla prima legislazione UE volta a monitorare e comunicare le emissioni di CO2 dei veicoli pesanti

/italy/file/camionjpg_itcamion.jpg

camion
©pixabay

Nella serata di ieri i rappresentanti del Parlamento europeo e del Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio sul regolamento per monitorare e comunicare le emissioni di CO2 e i consumi di carburante dei veicoli pesanti nuovi (furgoni, autobus e pullman).

27-03-2018

È la prima legge UE incentrata sulle emissioni di CO2  di questa categoria di veicoli. Le nuove norme fanno parte della strategia dell'UE per la mobilità a basse emissioni e della comunicazione sulla mobilità a basso impatto ambientale, che prevedono azioni per una radicale modernizzazione della mobilità e dei trasporti europei.

Miguel Arias Cañete, Commissario responsabile per l'Azione per il clima e l'energia, ha dichiarato: "Questo accordo prova la ferma intenzione dell'Europa di ridurre le crescenti emissioni di CO2 dei veicoli pesanti. Ringrazio il Parlamento europeo e il Consiglio per gli sforzi profusi al fine di raggiungere questo risultato ambizioso. Dotati ormai di un nuovo, solido, affidabile e trasparente sistema di monitoraggio, guardiamo ora al passo successivo: le proposte sugli standard di emissione per i veicoli pesanti, da presentare  entro maggio di quest'anno."

Accelerare il passaggio a una mobilità pulita e sostenibile è fondamentale per migliorare la qualità della vita e la salute dei cittadini, ma anche per raggiungere gli obiettivi previsti dall'Accordo di Parigi. La transizione verso una mobilità pulita spalanca ampie opportunità per l'economia europea e riconferma il primato europeo nel mondo per i veicoli puliti.

Monitorare e comunicare le emissioni di CO2 e i consumi di carburante dei veicoli pesanti nuovi aumenterà inoltre la trasparenza, permettendo agli operatori del settore di prendere decisioni più ponderate al momento di acquistare i veicoli e di risparmiare sui costi del carburante. Questo stimolerà inoltre l'innovazione tra i produttori  europei. Comunicato completo qui.