Rappresentanza In Italia

Economia digitale: verso un'imposizione fiscale equa

/italy/file/mappadelmondoconcodicebinarioinsottofondo_it

mappa_del_mondo_con_codice_binario_in_sottofondo
© Associated Press

Oggi la Commissione europea ha pubblicato una nuova agenda dell’UE per garantire un regime fiscale equo e favorevole alla crescita per l’economia digitale. L’attuale quadro fiscale non è in linea con le realtà moderne, in quanto le normative fiscali vigenti sono state concepite per l’economia tradizionale e non per attività basate sempre più spesso su beni e dati immateriali. 

Per questo motivo, si stima che nell’UE l'imposizione fiscale sulle imprese digitali sia circa la metà, e spesso ancor meno, rispetto alle imprese tradizionali. D'altro canto, l'attuazione di misure unilaterali e non coordinate da parte dei singoli Stati membri rischia di creare nuovi ostacoli e possibilità di elusione nel mercato unico.

21-09-2017

La comunicazione adottata oggi dalla Commissione illustra le sfide affrontate dagli Stati membri nel rispondere a questo problema così sentito e delinea possibili soluzioni da analizzare con l’obiettivo di assicurare un approccio coerente dell’UE alla tassazione dell’economia digitale, che sostenga le priorità della Commissione: completare il mercato unico digitale e assicurare a tutte le imprese un'imposizione fiscale equa ed efficace.

La comunicazione di oggi precede una proposta legislativa su norme dell’UE per la tassazione degli utili nell’economia digitale, come confermato dal Presidente Juncker nel discorso sullo stato dell’Unione 2017, che potrebbero essere definite già nella primavera del 2018. Il documento di oggi dovrebbe anche contribuire alle iniziative internazionali in quest'ambito, in particolare nel quadro del G20 e dell’OCSE.

Maggiori informazioni sono disponibili nel comunicato stampa e nelle Q&A.