Rappresentanza In Italia

Piano Juncker: 75 milioni di euro a Evotec per finanziare la ricerca medica innovativa

/italy/file/disegno-con-scritta-innovazione_it

disegno con scritta innovazione
© Associated Press

Il piano di investimenti per l’Europa continua a sostenere progetti innovativi nel settore della sanità. La Banca europea per gli investimenti (BEI) stanzierà 75 milioni di euro per Evotec da investire nella ricerca e nello sviluppo di cure delle malattie gravi. Il prestito è garantito dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), l’elemento centrale del piano di investimenti per l’Europa, il cosiddetto piano Juncker. 

08-09-2017

Evotec utilizzerà questo prestito a lungo termine per finanziare la scoperta di nuovi farmaci e lo sviluppo di cure dei disturbi e delle patologie gravi. Si tratta di un nuovo tipo di finanziamento, il primo grande investimento azionario in un'industria europea nel quadro del FEIS, e del primo investimento contingente del FEIS, in quanto la banca condivide il rischio dell'esito positivo dell'attività di ricerca e sviluppo (R&D) di Evotec.                   

All'atto della firma, il Vicepresidente della Commissione Jyrki Katainen, responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: "Lo sviluppo di cure innovative è un processo che richiede investimenti costanti e il piano di investimenti può fare la propria parte. Sono felice che, con l’accordo di oggi, il piano vada a sostenere la ricerca volta a curare i disturbi e le patologie gravi."

L'accordo con Evotec arriva a qualche giorno dalla conclusione degli accordi con MagForce, per lo sviluppo di nuovi trattamenti del cancro al cervello, e con Apeiron, che sta a sua volta sviluppando trattamenti per la cura del cancro, in particolare di un tipo raro che colpisce i bambini.

Oggi il FEIS ha anche firmato un accordo con ACT Ventures per offrire 20 milioni di euro di finanziamenti a piccole imprese tecnologiche in Irlanda.

I dati FEIS più aggiornati per paese sono disponibili qui. Un comunicato stampa completo sull’accordo di oggi è disponibile qui