Rappresentanza In Italia

Oltre 41 milioni di prodotti contraffatti sequestrati alle frontiere dell’UE l’anno scorso

/italy/file/containerjpg_it

Secondo i dati pubblicati oggi dalla Commissione europea, nel 2016 le autorità doganali hanno sequestrato oltre 41 milioni di prodotti contraffatti alle frontiere esterne dell’UE per un valore totale di oltre 670 milioni di euro.

I prodotti di uso quotidiano potenzialmente pericolosi per la salute e la sicurezza, come cibi e bevande, medicinali, giocattoli ed elettrodomestici, rappresentano oltre un terzo delle merci intercettate.

20-07-2017

Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, ha dichiarato: "Un livello elevato di tutela della proprietà intellettuale è indispensabile per sostenere la crescita e creare posti di lavoro. I prodotti contraffatti costituiscono una minaccia reale per la salute e la sicurezza dei consumatori europei, danneggiano le attività legali e riducono le entrate degli Stati. Gli studi dimostrano che l’UE è particolarmente esposta alle importazioni di prodotti contraffatti. Desidero congratularmi con le autorità doganali per il duro lavoro svolto per contrastare il fenomeno. Hanno bisogno di sostegno e risorse per poterci tutelare dai pericoli connessi alle merci contraffatte. La cooperazione tra le autorità incaricate dell’applicazione della legge va rafforzata e i sistemi di gestione del rischio potenziati per proteggere l’UE da merci che violano i diritti di proprietà intellettuale."

Le sigarette sono state la principale categoria di articoli intercettati (24%), seguite dai giocattoli (17%), dai prodotti alimentari (13%) e dal materiale da imballaggio (12%). Il numero di articoli intercettati è aumentato del 2% rispetto al 2015.

La relazione della Commissione sulle azioni delle dogane per garantire il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale è pubblicata ogni anno dal 2000 e si basa sui dati trasmessi dalle amministrazioni doganali degli Stati membri. I dati forniscono informazioni preziose a sostegno dell’analisi delle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale e aiutano altre istituzioni, come l’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale e l’OCSE, a mappare i dati economici e le rotte più battute dai contraffattori.

Un comunicato stampa più dettagliato è disponibile qui.

La relazione completa può essere consultata qui.