Rappresentanza In Italia

50 milioni di euro alle imprese sociali in Italia

/italy/file/nuvole-con-scritte-programma-occupazione-innovazione_it

nuvole con scritte programma  occupazione innovazione

Il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) e Banca Etica hanno firmato il primo accordo di garanzia per l'imprenditoria sociale in Italia nell'ambito del programma dell'UE per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI).

23-06-2017

Il nuovo accordo di garanzia permette a Banca Etica di offrire un totale di 50 milioni di euro a 330 imprenditori sociali nei prossimi 5 anni, a favore di imprese sia spagnole che italiane.

Le imprese sociali, comprese quelle che impiegano persone con disabilità, disoccupati di lungo periodo, migranti e richiedenti asilo, potranno beneficiare, nell'ambito del programma sostenuto dall'UE, di prestiti a un tasso di interesse ridotto, con requisiti ridotti in materia di garanzie reali.

Banca Etica si concentrerà su una vasta gamma di settori dell'imprenditoria sociale, mirando alle start-up innovative a orientamento sociale, alle imprese agricole sociali e alle società che operano sfruttando l'efficienza energetica e la tecnologia delle fonti energetiche rinnovabili.

La Commissaria per l'Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori, Marianne Thyssen, ha dichiarato: "Con il nuovo accordo, sostenuto dai fondi UE, Banca Etica sarà in grado di erogare prestiti a condizioni agevolate a oltre 330 imprese sociali in Italia e di estendere la propria attività di prestito alle imprese sociali in Spagna. Fornendo loro un maggiore e più facile accesso ai finanziamenti, contribuiamo allo sviluppo delle imprese sociali in settori chiave per l'inclusione sociale, quali il settore agricolo sociale e le imprese che partecipano all'integrazione di migranti e rifugiati. Il nostro impegno nella lotta all'esclusione sociale e per migliorare le condizioni di lavoro in Europa è assoluto."

Il Vicepresidente della Banca europea per gli investimenti, Ambroise Fayolle, e il Presidente di Banca Etica, Ugo Biggeri, hanno firmato l'accordo nel corso della 14a conferenza annuale della rete europea di microfinanza tenutasi a Venezia, che quest'anno si è concentrata sul potere dell'educazione finanziaria delle popolazioni vulnerabili e ha riunito oltre 300 finanziatori sociali e attivi nel microcredito, oltre a rappresentanti di istituzioni che concedono garanzie.