Rappresentanza In Italia

Commissione: dibattito sul futuro della difesa europea

/italy/file/logo-difesa-europea_it

logo difesa europea

Per alimentare la discussione sulla direzione che prenderà l'Europa a 27, la Commissione ha tenuto  un dibattito orientativo sul futuro della difesa europea.

24-05-2017

Fin dall'insediamento la Commissione Juncker ha annoverato fra le priorità un'Europa più forte in materia di sicurezza e di difesa. Nel discorso del 2016 sullo stato dell'Unione il Presidente Juncker ha annunciato la creazione di un fondo europeo per la difesa, annunciando: "l'Europa non può più permettersi di affidarsi alla potenza militare altrui. (…) Per una difesa europea forte è necessaria un'industria della difesa innovativa." In una fase in cui la situazione della sicurezza nel vicinato dell'Europa va deteriorandosi e in cui solidi motivi economici spingono gli Stati membri dell'UE a intensificare la cooperazione nella spesa per la difesa, la Commissione ritiene che sia giunto il momento di avanzare verso un'Unione della sicurezza e della difesa.

L'Alta rappresentante/Vicepresidente Federica Mogherini ha dichiarato: "La sicurezza e la difesa sono per l'Unione europea priorità perché tali sono per tutti i nostri concittadini. Dall'anno scorso continuiamo a potenziare la nostra difesa europea per affermarci con sempre maggior efficacia come garanti della sicurezza sia all'interno sia all'esterno dei nostri confini, investendo più risorse, intensificando la cooperazione fra gli Stati membri e avviandoci verso una cooperazione più stretta con la NATO. Il mondo che ci circonda è in rapido mutamento e ogni giorno ci attendono nuove sfide: siamo l'Unione europea, e in quanto tale dobbiamo assumerci la responsabilità di rispondervi."

Jyrki Katainen, Vicepresidente responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha aggiunto: "Per rafforzare la politica europea di sicurezza e di difesa è necessario servirsi in modo più efficiente dei bilanci per la difesa a disposizione. Le decisioni sugli investimenti nelle capacità di difesa restano nelle mani degli Stati membri e per la difesa il bilancio dell'Unione europea non può sostituirsi a quello degli Stati membri. Nondimeno, solidissimi motivi economici e industriali spingono a intensificare la cooperazione, per esempio riguardo alla ricerca e alle commesse della difesa. Nella misura in cui i bilanci nazionali restano sotto pressione, s'impone maggiore efficienza sia nella spesa per la difesa che nello sfruttamento delle relative capacità."

L'odierno dibattito orientativo concorrerà a guidare i lavori della Commissione nelle settimane a venire. Prima della conferenza europea ad alto livello sulla difesa e la sicurezza, che si terrà il 7 giugno a Praga, la Commissione varerà il fondo europeo per la difesa annunciato a novembre 2016 nel piano d'azione europeo in materia di difesa. In parallelo presenterà un documento di riflessione a più lungo termine nel quale indicherà gli scenari possibili per il futuro del settore della difesa europea, che s'iscrive nell'ambito del dibattito sul futuro dell'UE a 27 avviato il 1º marzo 2017 con il Libro bianco della Commissione sul futuro dell'Europa.

Solidi motivi spingono a intensificare nell'UE la cooperazione nella sicurezza e nella difesa. Le minacce cui l'UE deve far fronte non conoscono confini nazionali e sono sempre più consistenti: l'efficacia del contrasto passa per la collaborazione.

Una difesa europea forte implica un'industria europea della difesa forte. Via via che gli Stati membri cominciano ad aumentare i bilanci per la difesa, l'UE può aiutarli a spendere in modo più efficiente. Si stima che la mancanza di cooperazione tra gli Stati membri nel settore della difesa e della sicurezza costi ogni anno tra 25 e 100 miliardi di euro. L'80 % delle commesse e oltre il 90% della ricerca e tecnologia sono limitati alla dimensione nazionale. Mettendo in comune le commesse si potrebbe risparmiare fino al 30% della spesa annuale per la difesa.(cfr. scheda informativa sui motivi a favore di una maggiore cooperazione nell'UE in materia di sicurezza e di difesa).

Contesto

Negli orientamenti politici del giugno 2014 il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha dichiarato: "Ritengo che l'Europa debba essere resa più forte in termini di sicurezza e di difesa. Certo, l'Europa ha principalmente un potere di persuasione, ma a lungo andare anche il potere di persuasione più forte ha bisogno di un minimo di capacità di difesa integrate."

Il Presidente Juncker ha annunciato la creazione di un fondo europeo per la difesa nel discorso del 2016 sullo stato dell'Unione; in occasione del vertice di Bratislava del settembre 2016 i capi di Stato e di governo di 27 Stati membri hanno concluso: "Abbiamo bisogno dell'UE per garantire non solo la pace e la democrazia ma anche la sicurezza del nostro popolo." In un difficile contesto geopolitico, hanno convenuto sulla necessità di rafforzare la cooperazione dell'UE in materia di sicurezza esterna e difesa. In concreto, il Consiglio europeo del dicembre 2016 avrebbe dovuto prendere una "decisione su un piano di attuazione concreto in materia di sicurezza e difesa e sui modi per utilizzare al meglio le possibilità offerte dai trattati, in particolare in materia di capacità."

Il 30 novembre 2016 la Commissione europea ha presentato il piano d'azione europeo in materia di difesa, nel quale illustra come un fondo europeo per la difesa e altre iniziative siano in grado di rendere più efficiente la spesa degli Stati membri per le capacità di difesa comuni, rafforzare la sicurezza dei cittadini europei e promuovere una base industriale competitiva e innovativa. L'iniziativa è stata accolta con favore dai leader dell'UE in occasione del Consiglio europeo del dicembre 2016 e del marzo 2017 e la Commissione è stata incaricata di presentare proposte prima dell'estate 2017.

Il piano d'azione europeo in materia di difesa è parte di un più ampio pacchetto di misure per la difesa concordato dall'UE a 27 a Bratislava: è complementare agli altri due fili conduttori: il piano di attuazione della strategia globale in materia di sicurezza e di difesa, che definisce un nuovo grado di ambizione per l'Unione e individua una serie di azioni finalizzate alla sua realizzazione, e l'attuazione della dichiarazione congiunta UE-NATO firmata dal Presidente del Consiglio europeo, dal Presidente della Commissione e dal Segretario generale della NATO. È in fase di attuazione una serie comune di 42 proposte nelle 7 aree individuate nella dichiarazione di Varsavia, tra cui le minacce ibride, che sono collegate anche al quadro congiunto dell'aprile 2016 per contrastare le minacce ibride, basato a sua volta sull'agenda europea sulla sicurezza adottata dalla Commissione nell'aprile 2015. I lavori su questi due fili conduttori progrediscono a un ritmo sostenuto: solo la settimana scorsa, i ministri della difesa dell'UE hanno adottato conclusioni intese a portare avanti i lavori in vista del Consiglio europeo di giugno.

Con la dichiarazione di Roma adottata il 25 marzo 2017 i leader dell'UE si sono impegnati ad adoperarsi per realizzare un'UE a 27 che contribuisca alla creazione di un'industria della difesa più competitiva e integrata e che rafforzi la propria sicurezza e difesa comune in cooperazione e complementarità con la NATO.

Il Libro bianco sul futuro dell'Europa presentato il 1º marzo 2017 ha esposto le principali sfide e opportunità che si profilano per l'Europa nel prossimo decennio. Il Libro bianco ha segnato l'inizio di un processo in cui l'UE a 27 deciderà il futuro dell'Unione. Per stimolare la discussione la Commissione europea ospiterà, insieme al Parlamento europeo e agli Stati membri interessati, una serie di dibattiti sul futuro dell'Europa che avranno luogo nelle città e nelle regioni del continente. Il Libro bianco è integrato da una serie di documenti di riflessione su:

Per ulteriori informazioni

Scheda informativa: Difendere l'Europa - Motivi a favore di una maggiore cooperazione nell'UE in materia di sicurezza e di difesa