Rappresentanza In Italia

Tendenze positive nell’insegnamento e nell'apprendimento delle lingue straniere

/italy/file/scritta-con-lingue_it

scritta con lingue

Secondo la relazione "Dati principali sull’insegnamento delle lingue nelle scuole in Europa", pubblicata oggi dalla rete Eurydice della Commissione europea, gli alunni della scuola primaria iniziano prima ad apprendere le lingue straniere e continuano per tutta la durata della scuola dell’obbligo; il numero di studenti dell’istruzione secondaria inferiore che impara due lingue straniere è aumentato rispetto a dieci anni fa; e la maggior parte dei paesi ha attuato misure per sostenere i minori migranti che hanno bisogno di imparare la lingua del paese che li ospita. Resta invece molto basso il livello di ambizione ad apprendere una seconda lingua straniera.

18-05-2017

Un dato da sottolineare è che più della metà degli insegnanti di lingue in Europa si sono recati all’estero per motivi professionali, molti di loro con il sostegno finanziario di programmi dell’UE come Erasmus+ (il programma dell’UE per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport).

Tibor Navracsics, Commissario europeo per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: " In Europa la capacità di parlare più lingue sta diventando una competenza essenziale, non solo per trovare un lavoro, ma anche per partecipare alla vita sociale. Dobbiamo utilizzare meglio i metodi d’insegnamento innovativi e le nuove tecnologie per migliorare l’esperienza di apprendimento delle lingue dei giovani."

La relazione Eurydice, che comprende gli Stati membri dell’UE e alcuni altri paesi europei, unisce i dati provenienti da diverse fonti a un’analisi approfondita dell’apprendimento e dell’insegnamento delle lingue.