Rappresentanza In Italia

Consultazione pubblica sulla revisione delle competenze chiave per l’apprendimento permanente

disegno con frecce

La Commissione europea ha aperto una consultazione pubblica, che si concluderà il 19 maggio prossimo, finalizzata all'aggiornamento della raccomandazione sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente del 2006. Il riesame cercherà di stabilire quali abilità e competenze devono acquisire i giovani per avere successo sul mercato del lavoro e nella vita, con un accento particolare sull’educazione all’imprenditorialità.

24-02-2017

Il riesame era stato annunciato nella nuova agenda per le competenze per l’Europa della Commissione adottata nel giugno 2016. L’obiettivo è sviluppare una concezione comune delle competenze chiave di cui è necessario disporre e promuovere ulteriormente la loro introduzione nei programmi di istruzione e formazione. Il riesame fornirà inoltre sostegno per migliorare lo sviluppo e la valutazione di tali competenze.

Il Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics, ha dichiarato: "Al giorno d'oggi i giovani devono possedere una gamma di competenze più ampia per trovare un posto di lavoro appagante e diventare cittadini indipendenti e impegnati, che danno il loro contributo alla società. L’istruzione e la formazione hanno un ruolo cruciale nel permettere ai giovani di acquisire queste competenze, consentendo loro di approcciarsi alla vita nel modo migliore. La partecipazione a questa consultazione pubblica dà alle autorità scolastiche, ai responsabili politici, agli operatori e ai cittadini la possibilità di definire le competenze chiave necessarie per la loro realizzazione e il loro sviluppo personali, per una cittadinanza attiva, per l’inclusione sociale e l’occupazione."

La raccomandazione sulle competenze chiave contribuisce allo sviluppo di un’istruzione e di una formazione di qualità in linea con le esigenze delle società europee e sarà oggetto di riesame in modo da riflettere gli sviluppi politici, sociali, economici, ecologici e tecnologico intercorsi dal 2006. I risultati della consultazione pubblica saranno pubblicati qui.