Rappresentanza In Italia

Sviluppo urbano: gli impegni della Commissione per la sostenibilità

/italy/file/trasportisito1jpg_ittrasporti_sito1.jpg

strada trafficata

La Commissione presenta impegni che consentono di raggiungere obiettivi globali in materia di sviluppo urbano sostenibile.

20-10-2016

Nel contesto della conferenza delle Nazioni Unite Habitat III la Commissione europea ha presentato tre impegni volti a conseguire gli obiettivi globali della nuova agenda urbana.

La nuova agenda urbana, adottata alla conferenza delle Nazioni Unite Habitat III che si svolge questa settimana a Quito, in Ecuador, contiene orientamenti per rendere le città di tutto il mondo più inclusive, più verdi, più sicure e prospere. Si tratta di un elemento essenziale nell'attuazione dell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e di altre agende tappa della riforma, in particolare l'accordo di Parigi.

I partner di Habitat, tra cui l'Unione europea e i suoi Stati membri, hanno presentato impegni per attuare la nuova agenda urbana, ognuno con uno specifico ambito di applicazione, risultati attesi e prodotti finali.

In un intervento alla conferenza delle Nazioni Unite Habitat III il commissario per la politica regionale, Corina Creţu, ha affermato: "I nostri impegni si fondano sull'esperienza accumulata dall'UE durante anni di attuazione della politica urbana, con programmi e progetti che hanno dato i loro frutti. È giunto il momento di estendere il concetto oltre i confini dell'UE. Esso metterà l'UE all'avanguardia dello sforzo globale volto a sfruttare il potere di una rapida urbanizzazione e trasformarlo in opportunità di occupazione, crescita e una migliore qualità di vita per tutti."

I tre impegni sono:

  1. Realizzare la nuova agenda urbana attraverso l'agenda urbana dell'UE

La nuova agenda urbana e l'agenda urbana dell'UE condividono la stessa visione di uno sviluppo urbano equilibrato, sostenibile e integrato.

L'agenda urbana dell'UE è stata concepita affinché le città potessero esprimersi nel processo di definizione delle politiche. Con i suoi 12 temi prioritari, la governance multilivello e l'accento sull'apprendimento tra pari, l'agenda urbana dell'UE contribuisce all'attuazione della nuova agenda urbana all'interno dell'UE e in partenariato con le parti interessate delle città — non solo le città, ma anche le imprese, le ONG e i rappresentanti degli Stati membri e delle istituzioni dell'UE.

I piani d'azione per i 12 temi prioritari sono in corso di elaborazione. Essi includeranno raccomandazioni politiche, buone pratiche e progetti da condividere e diffondere nell'UE.

  1. Elaborare una definizione globale e armonizzata delle città

Per confrontare meglio i dati, per analizzare e monitorare meglio si dovrebbe usare in tutto il mondo una definizione comune delle città. L'UE elaborerà tale definizione unitamente all'OCSE e alla Banca mondiale, basandosi sulla definizione UE-OCSE delle città, fondata sulle dimensioni e la densità della popolazione, e sul grado di urbanizzazione UE.

Sarà elaborata una banca dati online, nonché un elenco globale delle città e delle loro principali caratteristiche. Una proposta di definizione globale delle città sarà infine presentata alle Nazioni Unite.

  1. Promuovere la cooperazione tra città nel campo dello sviluppo urbano sostenibile

Basandosi sul solido approccio della rete URBACT, finanziata dall'UE, e sulla metodologia del programma UE di cooperazione internazionale urbana, le città di tutto il mondo[1] saranno incoraggiate a stabilire un legame con una o più città partner per elaborare e attuare piani d'azione a livello locale e progetti su priorità comuni, ad esempio l'accesso alle risorse idriche, i sistemi di trasporto, la salute o gli alloggi. I partner commerciali dovrebbero essere strettamente associati all'elaborazione e all'attuazione di tali piani d'azione.

Una piattaforma online di messa in rete fornirà orientamenti e consentirà la cooperazione transregionale.

Contesto

Habitat III è la conferenza delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani e lo sviluppo urbano sostenibile che si svolge a Quito, Ecuador, dal 17 al 20 ottobre 2016.

Nella risoluzione 66/207 e in linea con il ciclo bi-decennale (1976, 1996 e 2016), l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha deciso di convocare la conferenza Habitat III per dare un nuovo impulso all'impegno globale per l'urbanizzazione sostenibile e per concentrarsi sull'attuazione di una nuova agenda urbana, sulla base dell'agenda Habitat 1996 di Istanbul.

Per ulteriori informazioni

Conferenza Habitat III

Politica urbana dell'UE

Twitter: @EU_Regional@CorinaCretuEU#EUUrbanAgenda

 

[1] La portata dell'impegno copre città in Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Messico, Perù, Canada, Cina, India, Giappone, Stati Uniti e Unione europea.