Rappresentanza In Italia

Il Commissario Mimica a Roma per discutere di innovazione agricola

/italy/file/simposiofao_itsimposio_fao

simposio_fao
copyright FAO

Oggi il Commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo Neven Mimica è a Roma per partecipare al "Simposio internazionale sull'innovazione agricola per le imprese agricole a conduzione familiare", organizzato dalla FAO (l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite).

23-11-2018

In questa occasione, il Commissario sottolineerà come innovazione agricola e investimenti privati possano cambiare la vita delle comunità rurali creando posti di lavoro e crescita e consentendoci di avvicinarci al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il Commissario descriverà in particolare come, dal punto di vista dello sviluppo, la visione dell'UE per l'innovazione sostiene la trasformazione inclusiva e sostenibile nelle zone rurali, adattata alle condizioni locali. Porrà inoltre l'accento sull'iniziativa "Sviluppo-Innovazione intelligente attraverso la ricerca nel settore agricolo (DeSIRA)", avviata lo scorso anno dalla Commissione con l'obiettivo di contrastare i cambiamenti climatici nel quadro della ricerca e dell'innovazione. Evidenzierà altresì come gli strumenti finanziari innovativi varati dalla Commissione possono aiutare a promuovere gli investimenti privati sostenibili nei sistemi agroalimentari quale ulteriore modo per trainare la trasformazione rurale.

Durante il suo viaggio a Roma, il Commissario firmerà anche tre contratti nel corso di una cerimonia congiunta con le tre agenzie con sede a Roma: la FAO, il Programma alimentare mondiale e il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo. In sintesi, i contratti riguardano: (i) le cause profonde delle disuguaglianze di genere nelle zone rurali e l'emancipazione delle donne (5 milioni di euro); (ii) il sostegno finanziario per promuovere investimenti privati sostenibili nei sistemi agroalimentari con un forte impatto in termini di sviluppo (4 milioni di euro); e (iii) la governance della sicurezza alimentare mondiale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (3 milioni di euro).