Il 10 marzo 2020 la Commissione ha gettato le basi per una politica industriale che sostenga la duplice transizione verso un'economia verde e digitale, renda l'industria dell'UE più competitiva a livello mondiale e rafforzi l'autonomia strategica aperta dell'Europa. Il giorno successivo alla presentazione della nuova strategia industriale, l'Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato la pandemia di COVID-19.

Questo aggiornamento non sostituisce la strategia industriale del 2020 né completa i processi da essa avviati: gran parte di quel lavoro è in corso e richiede sforzi specifici. Si tratta di un aggiornamento mirato, incentrato su ciò che è più necessario fare e sugli insegnamenti da trarre.

In quanto veicolo principale dell'innovazione nei vari ecosistemi, le piccole e medie imprese (PMI) devono essere tenute presenti in tutte le azioni previste dalla presente strategia. Ciò si rispecchia in modo trasversale in una maggiore attenzione agli oneri normativi per le PMI. Le nuove azioni andranno a forte vantaggio delle PMI e delle start-up, che si tratti di un mercato unico rafforzato, di una minore dipendenza dall'offerta o di una transizione verde e digitale accelerata. La strategia comprende anche alcune misure destinate alle PMI, quali quelle relative a una maggiore resilienza, alla lotta contro i ritardi di pagamento e al sostegno alla solvibilità.

Insegnamenti tratti dalla crisi della COVID-19

La crisi della COVID-19 ha colpito duramente l'economia dell'UE. Il suo impatto varia a seconda degli ecosistemi e delle dimensioni delle imprese. La crisi ha messo in evidenza l'interdipendenza delle catene globali del valore e ha dimostrato il ruolo cruciale di un mercato unico integrato e ben funzionante a livello mondiale.

  • 6,3%, la percentuale di riduzione dell'economia dell'UE
  • 60%, la percentuale di PMI che ha riportato un calo del fatturato nel 2020
  • 24%, la percentuale di riduzione degli scambi intra-UE nel secondo e terzo trimestre del 2020
  • 1,7% la percentuale di riduzione dell'occupazione nelle PMI nel 2020 - 1.4 milioni di posti di lavoro
  • 45%, la quota di imprese che si prevede ridurranno gli investimenti nel 2021

Se da un lato l'impatto della crisi varia tra i diversi ecosistemi e imprese, dall'altro le principali questioni evidenziate dalla crisi sono: 

  • frontiere chiuse che limitano la libera circolazione di persone, beni e servizi
  • interruzione delle catene di approvvigionamento globali che incidono sulla disponibilità di prodotti essenziali 
  • perturbazione della domanda.

Per affrontare questi problemi, la strategia industriale aggiornata propone nuove misure per tenere conto degli insegnamenti tratti dalla crisi e sostenere gli investimenti. In particolare, essa si concentra sui seguenti aspetti:

 

Resilienza del mercato unico

Il mercato unico è la risorsa più importante dell'UE, in quanto offre certezza, dimensioni e un trampolino di lancio globale per le imprese europee. Tuttavia, la pandemia di COVID-19 ha compromesso le opportunità offerte dal mercato unico. Le imprese e i cittadini hanno risentito della chiusura delle frontiere, delle interruzioni dell'approvvigionamento e della mancanza di prevedibilità.     

Per affrontare questi problemi, la Commissione ha proposto: 

Single market emergency instrument Strumento di emergenza per il mercato unico: fornire una soluzione strutturale per garantire la disponibilità e la libera circolazione di persone, beni e servizi nel contesto di eventuali crisi future;
Deepening the single market Rafforzamento del mercato unico: esaminare la possibilità di armonizzare le norme per i servizi essenziali alle imprese; oltre al rafforzamento della digitalizzazione della vigilanza del mercato e di altre misure mirate per le PMI.
Monitoring the single market Monitoraggio del mercato unico: un'analisi annuale della situazione del mercato unico, che comprende 14 ecosistemi industriali.

Graph of industrial ecosystems

I 14 ecosistemi industriali sono: edilizia, industrie digitali, sanità, agroalimentare, energie rinnovabili, industrie ad alta intensità energetica, trasporti e industria automobilistica, elettronica, tessile, aerospaziale e difesa, cultura e industrie culturali e creative, turismo, prossimità ed economia sociale, commercio al dettaglio.

Rafforzare l'autonomia strategica aperta dell'UE

A factory employee transporting boxes

Per l'UE, uno dei principali importatori ed esportatori, l'apertura al commercio e agli investimenti è una forza e una fonte di crescita e resilienza. Tuttavia, l'emergenza COVID-19 ha evidenziato perturbazioni nella catena di approvvigionamento globale e ha portato alla carenza di determinati prodotti critici in Europa. Per questo motivo dobbiamo migliorare ulteriormente la nostra autonomia strategica aperta in settori chiave, come già indicato nella strategia industriale dell'UE per il 2020.

La Commissione propone:

Diversified international partnerships Partenariati internazionali diversificati: per garantire che il commercio e gli investimenti continuino a svolgere un ruolo chiave nello sviluppo della nostra resilienza economica.
Four new industrial alliances Le alleanze industriali possono a loro volta essere uno strumento adeguato per accelerare le attività che non si svilupperebbero altrimenti, laddove contribuiscono ad attrarre investitori privati per discutere nuovi partenariati e modelli commerciali in modo aperto, trasparente e pienamente conforme alle norme in materia di concorrenza e sono potenzialmente in grado di creare occupazione di elevato valore. Le alleanze forniscono una piattaforma ampia e aperta in linea di principio e presteranno particolare attenzione all'inclusività per le start-up e le PMI. La Commissione sta preparando il lancio dell'alleanza per le tecnologie per i processori e semiconduttori e dell'alleanza per i dati industriali, l'edge e il cloud, e sta valutando la preparazione di un'alleanza per i vettori spaziali e di un'alleanza per un'aviazione a emissioni zero.
Monitoring of strategic dependencies Monitoraggio delle dipendenze strategiche: pubblicazione di una prima relazione che analizza le dipendenze strategiche dell'UE. La relazione individua 137 prodotti in ecosistemi sensibili per i quali l'UE dipende fortemente da fonti estere.

 

Analisi delle dipendenze strategiche

  • 137 prodotti in ecosistemi sensibili per i quali l'UE dipende fortemente da fornitori esteri, su un totale di 5200 prodotti analizzati
  • Questi prodotti rappresentano il 6% del valore di tutti i prodotti importati in Europa.
  • Oltre la metà di queste dipendenze riguarda la Cina, seguita dal Vietnam e dal Brasile.
  • 34 prodotti sono più vulnerabili, con un basso potenziale di diversificazione e di sostituzione con la produzione dell'UE. Tra questi figurano varie materie prime e sostanze chimiche utilizzate nelle industrie ad alta intensità energetica e nella sanità.
  • Questi prodotti rappresentano lo 0,6% del valore di tutti i prodotti importati in Europa.

La relazione offre inoltre un'analisi approfondita di 6 aree strategiche in cui l'UE presenta dipendenze:

  • materie prime
  • batterie
  • ingredienti farmaceutici attivi
  • idrogeno
  • semiconduttori
  • tecnologie cloud e edge

Accelerare la duplice transizione

La strategia industriale del 2020 comprendeva un elenco di azioni a sostegno della transizione verde e digitale dell'industria dell'UE, molte delle quali sono già state adottate o avviate. La pandemia ha tuttavia inciso pesantemente sulla velocità e sulla portata di questa trasformazione. Le imprese che perseguono la sostenibilità e la digitalizzazione hanno maggiori probabilità di essere tra i leader di domani. 

Per accelerare la duplice transizione, la Commissione ha proposto:

  • Transition pathways
    Percorsi di transizione - Creare insieme all'industria e alle parti interessate percorsi di transizione per individuare le azioni necessarie per realizzare la duplice transizione, fornendo un'idea più chiara delle dimensioni, dei benefici e delle condizioni richiesti.
  • Multi-country projects
    Progetti multinazionali - Per sostenere gli sforzi a favore della ripresa e sviluppare capacità verdi e digitali, la Commissione sosterrà gli Stati membri in progetti comuni volti a massimizzare gli investimenti nell'ambito del dispositivo per la ripresa e la resilienza
  • Analysis of the steel sector
    Analisi del settore dell'acciaio - Per garantire un'industria metallurgica pulita e competitiva, la Commissione analizza e affronta le sfide per questo settore.
  • Horizon Europe partnerships
    Partenariati Orizzonte Europa - Per mettere insieme finanziamenti pubblici e privati a favore della ricerca e dell'innovazione nel campo delle tecnologie e dei processi a bassa intensità di CO2. 
  • Decarbonised energy
    Energia decarbonizzata abbondante, accessibile e a prezzi contenuti - La Commissione collaborerà con gli Stati membri per accelerare gli investimenti nelle energie rinnovabili e nelle reti elettriche e rimuovere gli ostacoli.

Documenti

ScaricaPDF - 1.2 MB
ScaricaPDF - 6.4 MB
ScaricaPDF - 4 MB
ScaricaPDF - 1.4 MB
ScaricaPDF - 499.5 KB
ScaricaPDF - 3.2 MB