A handshake in front of the European flag

27 luglio 2020 - La Commissione europea lancia un invito per la costituzione di partenariati innovativi tra le regioni dell'UE a favore della risposta al coronavirus e della ripresa
 

Per sostenere la risposta al coronavirus e la ripresa e per aiutare le regioni a cogliere le opportunità nate dall'emergenza, la Commissione lancia un invito a manifestare interesse per progetti innovativi interregionali riguardanti quattro settori tematici: sviluppo della catena del valore sanitario sicurezza e gestione dei rifiuti medici turismo sostenibile e digitale sviluppo delle tecnologie a idrogeno nelle regioni con forti emissioni di CO2. Il Fondo europeo di sviluppo regionale destinerà complessivamente ai quattro partenariati tematici un importo di 400 000 euro (per un massimo di 100 000 euro ciascuno). L'invito sarà aperto fino al 7 settembre 2020.

President Von der Leyen speaking to the European Parliament

23 luglio 2020 - La presidente della Commissione von der Leyen al Parlamento europeo: "Insieme abbiamo ora la possibilità di conseguire qualcosa di storico per l'Europa."

A seguito dell'accordo raggiunto in sede di Consiglio europeo sul piano per la ripresa dell'Europa, la presidente della Commissione von der Leyen ha dichiarato al Parlamento europeo: "Ora disponiamo di una capacità finanziaria enorme e senza precedenti: 1 800 miliardi di euro. Possiamo garantire che lo strumento per la ripresa Next Generation EU acceleri la duplice transizione verde e digitale. Il 30% di Next Generation EU e del bilancio dell'UE saranno spesi per progetti relativi al clima. Next Generation EU può essere uno dei maggiori stimoli per gli investimenti e le riforme a livello mondiale: investendo nella diffusione del 5G, nell'intelligenza artificiale e nella digitalizzazione industriale, nelle energie rinnovabili, nei trasporti sostenibili e in edifici efficienti sul piano energetico. Abbiamo chiaramente l'impegno di rispettare lo Stato di diritto, e poiché si tratta di investimenti europei nella nostra Unione europea è essenziale che il Parlamento europeo svolga un ruolo fondamentale."

European leaders reach a deal

 

21 luglio 2020 - I leader europei raggiungono un accordo sul piano per la ripresa dell'Europa e il bilancio a lungo termine dell'UE 2021-2027

 

Dopo 4 lunghi giorni e notti di negoziati i leader europei sono giunti a un accordo sul piano per la ripresa dell'Europa. Più del 50% del bilancio a lungo termine dell'UE e dello strumento per la ripresa Next Generation EU, per un totale di circa 1 800 miliardi di euro, sosterrà politiche moderne e avvierà l'Europa sul cammino di una ripresa sostenibile e resiliente, creando posti di lavoro e riparando i danni causati dal coronavirus e costruendo al contempo un futuro più verde e digitale. La presidente von der Leyen ha dichiarato: "L'Europa nel suo insieme ha ora la possibilità di uscire più forte dalla crisi. Oggi abbiamo compiuto un passo storico di cui possiamo essere tutti fieri. Adesso dobbiamo collaborare con il Parlamento europeo per giungere a un accordo."

testing lab image

15 luglio 2020 - La Commissione rafforza la preparazione per eventuali futuri focolai di coronavirus

Nell'ottica di salvare vite e impedire i lockdown, la Commissione sta definendo misure immediate a breve termine per rafforzare la preparazione sanitaria dell'UE in caso di eventuali focolai di coronavirus in futuro. Per affrontare rapidamente futuri focolai e l'influenza stagionale è essenziale eseguire test e potenziare il tracciamento dei contatti, migliorare la sorveglianza della salute pubblica e garantire un più ampio accesso ai dispositivi di protezione, ai farmaci e ai dispositivi medici. Le azioni delineate nella comunicazione comprendono anche la riduzione dell'impatto dell'influenza stagionale sui sistemi sanitari, una maggiore protezione delle persone più vulnerabili e altre misure non farmaceutiche.

Ursula von der Leyen, President of the European Commission speeking at the European Parliament

8 luglio 2020 - La presidente von der Leyen: possiamo uscire più forti da questa crisi

Rivolgendosi al Parlamento europeo in occasione dell'inizio della presidenza tedesca del Consiglio dell'UE, la presidente von der Leyen ha dichiarato: "Solidarietà significa che coloro che ne hanno bisogno ricevono maggiore sostegno. Nel quadro di Next Generation EU gli investimenti sono collegati alle riforme basate sulle raccomandazioni specifiche per paese. Tutti gli Stati membri devono darsi da fare. Se vogliamo uscire più forti dalla crisi dobbiamo cambiare tutti in meglio. È questo che gli europei si aspettano da noi. La ripresa economica è inscindibile dal Green Deal europeo, dalla digitalizzazione e dalla resilienza. Non dimentichiamoci del nostro bilancio settennale, oltre a Next Generation EU. Next Generation EU è per la fase acuta della crisi, ma il QFP ci accompagnerà ed è lo strumento più importante per raggiungere i nostri obiettivi a lungo termine. Le nostre politiche necessitano di un reale valore aggiunto europeo e di un solido finanziamento settennale che ci consenta di attuarle".

A person withdraws cash from an ATM machine

7 luglio 2020 - Previsioni economiche d'estate: ripresa disomogenea a partire dalla seconda metà del 2020.

Nonostante la risposta politica alla crisi del coronavirus sia stata rapida e globale a livello sia dell'UE che nazionale, secondo le previsioni economiche d'estate 2020 quest'anno l'economia dell'UE sarà colpita da una profonda recessione. Poiché la revoca delle misure restrittive procede a un ritmo più graduale rispetto a quanto ipotizzato nelle previsioni di primavera, l'impatto sull'attività economica nel 2020 sarà più significativo del previsto. L'economia dell'UE dovrebbe contrarsi dell'8,3% nel 2020 e crescere del 5,8% nel 2021, mentre l'economia dell'area dell'euro dovrebbe contrarsi dell'8,7% nel 2020 e crescere del 6,1% nel 2021. Tuttavia, i primi dati per maggio e giugno indicano che il peggio ormai dovrebbe essere passato. La ripresa dovrebbe ripartire nella seconda metà dell'anno, pur rimanendo incompleta e disomogenea tra gli Stati membri.

1 luglio 2020 - Sostegno all'occupazione giovanile: un ponte verso il lavoro per la prossima generazione di europei

La pandemia di coronavirus ha aggravato la già difficile situazione che i giovani spesso incontrano, ma i giovani europei meritano le migliori opportunità che l'Europa può offrire. La Commissione si sta impegnando per garantire che la prossima generazione di cittadini europei possa prosperare e, al contempo, per rendere l'Europa più verde e più digitale, proponendo di rafforzare la garanzia per i giovani, preparando al futuro le politiche dell'UE in materia di istruzione e formazione professionale, imprimendo nuovo slancio all'apprendistato e sostenendo altre misure a favore dell'occupazione giovanile. La Commissione si aspetta che i governi nazionali investano almeno 22 miliardi di euro per sostenere l'occupazione giovanile.

Global response event

27 giugno 2020 - Il vertice sulla risposta globale al coronavirus mobilita altri 6,15 miliardi di euro.

"Obiettivo globale: uniti per il nostro futuro”, il vertice mondiale dei donatori organizzato il 27 giugno dalla presidente von der Leyen e Global Citizen, ha mobilitato 6,15 miliardi di euro per contribuire a creare e garantire un accesso equo ai vaccini, ai test e alle cure per il coronavirus. Questo importo comprende un impegno di 4,9 miliardi di euro da parte della Banca europea per gli investimenti, in collaborazione con la Commissione europea, e impegni per 485 milioni di euro da parte degli Stati membri dell'UE. Gli impegni assunti nel corso del vertice per una capacità di produzione di oltre 250 milioni di dosi di vaccino a favore dei paesi a medio e basso reddito hanno rappresentato un importante gesto di solidarietà globale. Il vertice mondiale dei donatori e il concerto hanno riunito artisti, scienziati e leader mondiali per parlare con una sola voce e garantire l'accesso universale ai medicinali contro il coronavirus. L'evento porta a 15,9 miliardi di euro il totale degli impegni assunti nell'ambito della risposta globale del coronavirus, la maratona mondiale di raccolta fondi.

Global response event

26 giugno 2020 – Risposta globale al coronavirus: segui il vertice e al concerto di sabato 27 giugno alle 15 CET.

Questo sabato (27 giugno) si tengono il vertice e il concerto organizzato dalla Commissione e Global Citizen. Artisti, scienziati e leader mondiali parleranno con una sola voce per mobilitare finanziamenti supplementari per le cure e i vaccini contro il coronavirus. Il vertice dei donatori, che sarà trasmesso dalle ore 15 (CET) di sabato, sarà guidato dalla presidente Ursula von der Leyen, che presenterà anche il concerto insieme all'attore Dwayne Johnson. Al concerto si esibiranno e parteciperanno Shakira, Justin Bieber, Miley Cyrus, Chris Rock, David Beckham, Kerry Washington, Hugh Jackman e molti altri ancora. Il programma integrale è disponibile qui. È possibile seguirlo su: Facebook, Twitter e YouTube e Spotify sabato. Il vertice sarà trasmesso in streaming sul sito Internet di Global Citizen e sui social media.

Coronavirus global response

22 giugno 2020 – Risposta globale al coronavirus: la Commissione annuncia un vertice dei leader mondiali e un concerto per l'evento di mobilitazione di fondi del 27 giugno.

Gli artisti hanno il potere di ispirare il cambiamento. Con l'obiettivo di mobilitare finanziamenti aggiuntivi per la risposta globale al coronavirus a favore dello sviluppo e della diffusione in tutto il mondo di vaccini contro il coronavirus, artisti, scienziati e leader mondiali parleranno con una sola voce al vertice "Obiettivo globale: uniti per il nostro futuro", che sarà accompagnato da un concerto. Il vertice dei donatori, che sarà trasmesso dalle ore 15 (CET) di sabato, sarà guidato dalla presidente Ursula von der Leyen, che presenterà anche il concerto insieme all'attore Dwayne Johnson. Al concerto si esibiranno e parteciperanno Shakira, Justin Bieber, Miley Cyrus, Chris Rock, David Beckham, Kerry Washington, Hugh Jackman e molti altri ancora. Il programma integrale è disponibile qui. È possibile seguirlo su: Facebook, Twitter e YouTube. Il vertice sarà trasmesso in streaming sul sito Internet della campagna Obiettivo globale: uniti per il nostro futuro e sui social media.

17 giugno 2020 - Svelata la strategia dell'UE per i vaccini anti COVID-19

La Commissione europea ha presentato una strategia europea volta ad accelerare lo sviluppo, la produzione e la diffusione di vaccini contro il coronavirus, poiché questa è la nostra carta migliore per superare la pandemia in modo permanente entro 12-18 mesi, se non prima. Ogni mese guadagnato nella conquista del vaccino significa salvare vite umane, e risparmiare mezzi di sussistenza e miliardi di euro. Per portare a buon fine questa complessa impresa bisogna effettuare prove cliniche e parallelamente investire in capacità di produzione tali da produrre milioni, se non miliardi, di dosi del vaccino efficace. Le imprese con un vaccino sperimentale promettente, che hanno già avviato o stanno per avviare la sperimentazione clinica, sono invitate a mettersi in contatto con la Commissione all'indirizzo EC-VACCINES@ec.europa.eu.

reopen eu visual

15 giugno 2020 - attivata la piattaforma "Re-open EU" per riavviare in modo sicuro la libera circolazione e il turismo nell'UE

La Commissione europea ha lanciato "Re-open EU", una piattaforma web che contiene informazioni essenziali per riavviare in modo sicuro la libera circolazione e il turismo in Europa e consentire ai cittadini di godersi le prossime vacanze in tutta tranquillità. La piattaforma fornirà informazioni in tempo reale su frontiere, restrizioni di viaggio, misure sanitarie e di sicurezza, tra cui il distanziamento sociale o l'uso della mascherina, e altre informazioni pratiche per i viaggiatori. La piattaforma è disponibile nelle 24 lingue ufficiali dell'UE. Usa e salva Re-open EU sul desktop e sul cellulare.

man with mask checking his phone

10 giugno 2020 – L'UE intensifica la sua azione contro la disinformazione connessa al coronavirus

La Commissione europea e l'Alto rappresentante stanno intensificando la lotta alla disinformazione connessa al coronavirus proponendo una via da seguire in una comunicazione congiunta. La comunicazione definisce la risposta immediata e le azioni concrete che possono essere messe in atto rapidamente per contrastare l'ondata massiccia di informazioni false o fuorvianti, compresi i tentativi da parte di soggetti stranieri di influenzare i dibattiti e i cittadini dell'UE. Nel contempo, l'UE continuerà a garantire la libertà di espressione e a sostenere i media, la cui indipendenza informativa è così cruciale durante la pandemia. Le azioni proposte confluiranno nelle attività future dell'UE in materia di disinformazione, in particolare il piano d'azione europeo per la democrazia e la legge sui servizi digitali

Interior of an innovation lab

8 giugno 2020 – Contro il coronavirus e a sostegno della ripresa, l'UE assegna 314 milioni di euro a imprese innovative

La Commissione europea ha annunciato di aver concesso, attraverso l'acceleratore del Consiglio europeo per l'innovazione, quasi 166 milioni di euro a 36 imprese che lavoreranno a progetti all'avanguardia: salviette per la biodecontaminazione, lo sviluppo di sistemi a basso costo per il monitoraggio della ventilazione di molteplici pazienti o una piattaforma di anticorpi per il trattamento dei casi gravi di infezione. Oltre 148 milioni di euro saranno erogati ad altre 36 società che contribuiranno al piano di ripresa per l'Europa, ad esempio attraverso lo sviluppo di torri eoliche più alte e robuste costruite con moduli di legno. 

Lab

4 giugno 2020 - La Commissione europea stanzia 300 milioni di euro a favore dell'Alleanza per i vaccini

Il 4 giugno la Commissione europea si è impegnata a stanziare 300 milioni di euro a favore di Gavi, l'Alleanza per i vaccini, per il periodo 2021-2025. Questa cifra servirà a vaccinare 300 milioni di bambini in tutto il mondo e finanzierà la creazione di scorte di vaccini contro la diffusione di malattie infettive. Consentirà ad alcuni paesi di raggiungere l'autofinanziamento e permetterà di erogare oltre 3,2 miliardi di dosi a 55 paesi. A favore dell'Alleanza per i vaccini erano già stati raccolti più di 1,5 miliardi di euro in occasione dell'evento Risposta globale al coronavirus, alla cui organizzazione ha partecipato anche la Commissione europea nell'intento di superare la pandemia ed evitarne altre.

pills

3 giugno 2020 - La Commissione compie un primo passo verso l'adozione di una strategia farmaceutica per l'Europa

La Commissione europea ha pubblicato la tabella di marcia della strategia farmaceutica per l'Europa: è possibile condividere i commenti e contribuire a definire la proposta. La strategia farmaceutica per l'Europa avrà il compito di affrontare i rischi, garantire le capacità di produzione di farmaci in Europa, far sì che l'industria farmaceutica europea possa rimanere innovativa e un leader a livello mondiale e assicurare l'approvvigionamento di farmaci sicuri e a prezzi accessibili in Europa. La Commissione consulta regolarmente i cittadini, le imprese e le parti interessate sulle sue iniziative, come nel caso della strategia farmaceutica per l'Europa. Alla tabella di marcia farà seguito una consultazione pubblica.

Coronavirus Global Response Logo

28 maggio 2020 – Risposta globale al coronavirus: avviata l'iniziativa "Obiettivo globale: uniti per il nostro futuro" con il sostegno di Global Citizen

La risposta globale al coronavirus è stata lanciata il 4 maggio e finora sono stati raccolti 9,8 miliardi di euro per un accesso universale a vaccini, cure e diagnosi a prezzi accessibili. Sull'avvio della prossima fase, la presidente von der Leyen ha dichiarato: "È indispensabile che il mondo si unisca e sconfigga il virus una volta per tutte. La buona notizia è che sta già avvenendo. Stiamo avviando una nuova campagna, "Obiettivo globale: uniti per il nostro futuro" (Global Goal: Unite For Our Future), nata da un'idea di Global Citizen. Nel corso del mese prossimo, i cittadini faranno sentire la loro voce e contribuiranno alla lotta comune contro il coronavirus. Il 27 giugno organizzerò un vertice finale di finanziamento nel quale imprese, fondazioni e cittadini potranno unire le loro forze con i donatori pubblici."

Recovery plan for Europe

27 maggio 2020 - Il momento dell'Europa: presentato un piano per l'Europa da 2 400 miliardi di euro per riparare e preparare per la prossima generazione

Per avviare la ripresa europea, proteggere le vite, i mezzi di sussistenza e i posti di lavoro dei cittadini, la Commissione europea propone un grande piano di rilancio da 2 400 miliardi di euro, basato sul pieno sfruttamento delle potenzialità di un bilancio dell'UE potente, moderno e rinnovato per rendere l'Europa più sostenibile, digitale, inclusiva ed equa. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione, ha dichiarato: "La prossima generazione europea coglierà i benefici domani. I nostri investimenti non solo preserveranno gli eccezionali risultati conseguiti negli ultimi 70 anni, ma garantiranno anche un'Unione climaticamente neutra, digitale, sociale e sulla quale si possa contare sul piano mondiale anche in futuro. Quel che accade ci riguarda tutti ed è molto più grande di noi. È il momento dell'Europa".

plastic mask

26 maggio 2020 - Solidarietà per far fronte al coronavirus: l'industria dell'UE interviene per proteggere i cittadini europei

Le imprese europee hanno dato prova di una straordinaria solidarietà in questa crisi. Diverse imprese in tutta Europa hanno modificato la loro produzione, passando da prodotti tessili, capi di abbigliamento e prodotti cosmetici a dispositivi di protezione individuale quali mascherine chirurgiche, ventilatori e gel disinfettanti. Alcune si sono impegnate a donare prodotti come gesto di solidarietà nei confronti dei cittadini. La Commissione europea aiuta le imprese a riprogrammare e incrementare la produzione di dispositivi di protezione individuale mediante linee guida in materia di norme liberamente disponibili, approvazione accelerata e raccomandazioni sulla conformità.

Eu semester

20 maggio 2020 - Pacchetto di primavera del semestre europeo: Raccomandazioni per una risposta coordinata alla pandemia di coronavirus

Il 20 maggio la Commissione europea ha proposto raccomandazioni specifiche per paese rivolte a tutti gli Stati membri dell'UE e al Regno Unito, sulla base della strategia di crescita della Commissione che promuove la sostenibilità competitiva per costruire un'economia al servizio delle persone e del pianeta. Le raccomandazioni riguardano settori quali gli investimenti nella sanità pubblica e la resilienza del settore sanitario, il mantenimento dell'occupazione mediante il sostegno al reddito dei lavoratori e gli investimenti nelle persone e nelle competenze. Una risposta economica coordinata a livello europeo è fondamentale per rilanciare l'attività economica, attenuare i danni al tessuto economico e sociale e ridurre le divergenze e gli squilibri. Il semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche e occupazionali costituisce pertanto un elemento cruciale della strategia di ripresa.

researcher covid-19

19 maggio 2020 - La ricerca sul coronavirus potenziata da 122 milioni di euro di finanziamenti aggiuntivi

 

La Commissione ha mobilitato altri 122 milioni di euro dal suo programma di ricerca e innovazione, Orizzonte 2020, per attività di ricerca urgenti sul coronavirus. Il nuovo invito a manifestare interesse contribuisce all'impegno di 1,4 miliardi di euro della Commissione a favore dell'iniziativa Risposta globale al coronavirus, varata dalla presidente Ursula von der Leyen il 4 maggio 2020. Le nuove ricerche si baseranno su grandi gruppi di pazienti in tutta Europa; una più adeguata comprensione degli impatti comportamentali e socioeconomici della pandemia di coronavirus potrebbe contribuire a migliorare le strategie di cura e prevenzione. I progetti finanziati nell'ambito di questo invito dovrebbero consentire anche di riorientare la produzione per la fabbricazione in tempi brevi di forniture e attrezzature mediche fondamentali necessarie per la diagnosi, la cura e la prevenzione, oltre a sviluppare tecnologie mediche e strumenti digitali per migliorare l'individuazione, la sorveglianza e l'assistenza medica.

13 maggio 2020 - Ripresa dei viaggi e rilancio del turismo europeo in sicurezza: la Commissione scende in campo

La Commissione europea ha presentato una serie di orientamenti e raccomandazioni per turisti, viaggiatori e imprese con l'obiettivo di consentire ai cittadini di andare in vacanza e recuperare il tempo perduto con amici e parenti, alle imprese turistiche di riaprire dopo mesi di lockdown e agli Stati membri di eliminare gradualmente le restrizioni agli spostamenti, rispettando nel contempo le necessarie precauzioni sanitarie. Il pacchetto include una strategia complessiva, un approccio comune per ripristinare la libera circolazione, un quadro per sostenere i trasporti, una raccomandazione sui buoni di viaggio e una serie di criteri per rilanciare il turismo. L'approccio flessibile che permette al turismo di continuare a funzionare si basa su: criteri epidemiologici, l'applicazione di misure di contenimento e considerazioni di natura economica e riguardanti il distanziamento sociale.

Medical research

12 maggio 2020 -117 milioni di euro concessi per le terapie e la diagnostica per il coronavirus

La Commissione ha selezionato otto progetti di ricerca su vasta scala per lo sviluppo di terapie e diagnostica per il coronavirus tramite un invito a presentare proposte con procedura accelerata pubblicato a marzo dal partenariato pubblico-privato dell'iniziativa sui medicinali innovativi (IMI). La Commissione ha aumentato il finanziamento iniziale di 45 milioni di euro a titolo di Orizzonte 2020 portandolo a 72 milioni di euro, mentre 45 milioni di euro saranno forniti dall'industria farmaceutica, dai partner associati all'iniziativa sui medicinali innovativi e da altre organizzazioni. L'investimento totale sarà così di 117 milioni di euro. I progetti selezionati si iscrivono nel quadro della risposta comune europea alla pandemia di coronavirus coordinata dalla Commissione fin dall'inizio della crisi. Assegnando finanziamenti a titolo di Orizzonte 2020 e collaborando con l'industria farmaceutica, la Commissione è in grado di finanziare un maggior numero di proposte di elevata qualità e di accelerare la diagnostica e le terapie per il coronavirus, gli strumenti essenziali necessari per affrontare l'emergenza mondiale.

masks delivery

11 maggio 2020 - La solidarietà europea in azione - Mascherine fornite da rescEU alla Macedonia del Nord e al Montenegro

Dopo i lotti forniti a Italia, Spagna e Croazia, rescEU, la riserva europea comune di attrezzature mediche per aiutare i paesi colpiti dalla pandemia di coronavirus, consegna altre partite di mascherine alla Macedonia del Nord e al Montenegro. L'8 maggio un primo lotto di 1,5 milioni di mascherine chirurgiche è stato consegnato a 17 Stati membri e al Regno Unito per proteggere gli operatori sanitari dal coronavirus. Ulteriori lotti settimanali di 1,5 milioni di mascherine saranno consegnati nel corso delle prossime sei settimane tramite lo strumento di sostegno di emergenza. La Romania e la Germania ospitano i centri di distribuzione di rescEU e sono pertanto responsabili dell'acquisto delle attrezzature, mentre la Commissione finanzia il 100% dell'acquisto delle mascherine e di altre attrezzature. Qui sono disponibili maggiori informazioni.

Masks delivery

8 maggio 2020 - La solidarietà europea in azione: la Commissione consegna il primo lotto di 1,5 milioni di mascherine per proteggere gli operatori sanitari dell'UE

In questi giorni sarà consegnato a 17 Stati membri e al Regno Unito un primo lotto di 1,5 milioni di mascherine chirurgiche per proteggere gli operatori sanitari dal coronavirus. Nelle prossime sei settimane saranno consegnati altri lotti settimanali di 1,5 milioni di mascherine. Questa fornitura di mascherine da parte dell'UE rientra in un nuovo acquisto di 10 milioni di mascherine che la Commissione ha finanziato avvalendosi dello strumento per il sostegno di emergenza, volto a fornire un sostegno diretto agli Stati membri per attenuare le conseguenze immediate della pandemia e favorire la ripresa.

highlight

7 maggio 2020 - La Commissione aiuta gli Stati membri ad affrontare la carenza di operatori sanitari

accelerando il riconoscimento delle loro qualifiche professionali

Per contribuire ad affrontare la carenza di operatori sanitari, la Commissione ha pubblicato una comunicazione che fornisce orientamenti agli Stati membri. Gli orientamenti velocizzano il riconoscimento delle qualifiche professionali degli operatori, chiariscono le norme per consentire a medici e infermieri che seguono ancora un corso di formazione di esercitare la professione e facilitano la libera circolazione dei professionisti in modo che possano prestare assistenza là dove sono più necessari. La comunicazione afferma inoltre la disponibilità della Commissione a sostenere gli Stati membri e i professionisti per far fronte alla crisi, mantenere i loro diritti alla libera circolazione e garantire la sicurezza dei pazienti.

Map of spring economic forecast

6 maggio 2020 - Previsioni economiche di primavera 2020 - recessione e recupero

Nonostante le risposte rapide e decisive a livello nazionale e dell'UE, l'economia dell'UE subirà una recessione quest'anno poiché la pandemia di coronavirus ha provocato un grave shock economico. Secondo le previsioni economiche di primavera 2020 l'economia dell'UE dovrebbe contrarsi del 7,5% nel 2020 per poi crescere di circa il 6% nel 2021. Data l'interdipendenza delle economie dell'UE, la dinamica della ripresa in ciascuno Stato membro inciderà anche sul vigore della ripresa degli altri Stati membri. Delle risposte senza precedenti e prolungate nel tempo a livello nazionale e dell'UE saranno fondamentali per limitare i danni economici e agevolare una ripresa rapida e solida in modo da avviare le economie verso una crescita sostenibile e inclusiva.

Picture of President von der Leyen

4 maggio 2020 – Risposta globale al coronavirus: raccolti 7,4 miliardi da donatori di tutto il mondo per l'accesso universale ai vaccini 

La Commissione europea ha registrato impegni di finanziamento da 7,4 miliardi di euro da donatori di tutto il mondo durante l'evento di mobilitazione Risposta globale al coronavirus che ha preso il via oggi con l'intento di raccogliere finanziamenti per lo sviluppo e la disponibilità universale di strumenti diagnostici, terapie e vaccini contro il coronavirus. La presidente von der Leyen ha dichiarato: "Oggi il mondo ha dato prova di un'unità straordinaria in nome del bene comune. Con un impegno del genere siamo sulla buona strada per sviluppare, produrre e distribuire un vaccino per tutti, ma questo è solo l'inizio. Dobbiamo persistere nei nostri sforzi ed essere pronti a contribuire in modo ancor più significativo. La maratona di raccolta fondi prosegue: in tutto il mondo la società civile e le persone dovranno unirsi ai governi in questa dimostrazione globale di speranza e determinazione." Maggiori informazioni

Picture of the banner on the Berlaymont building

2 maggio 2020 – Il conto alla rovescia: lunedì 4 maggio inizia la maratona mondiale di raccolta fondi "Risposta globale al coronavirus"

Con la Risposta globale al coronavirus l'Unione europea sta unendo le forze con i partner di tutto il mondo per dare il via a un evento di mobilitazione di fondi su scala mondiale per sviluppare cure, vaccini e strumenti diagnostici. Alle ore 15 (CET) di lunedì 4 maggio la presidente von der Leyen ospiterà un evento globale online che sarà possibile seguire su EbS. L'obiettivo iniziale è raccogliere impegni di finanziamento per un valore di 7,5 miliardi di euro.
La presidente von der Leyen ha dichiarato: “Il 4 maggio vogliamo riunire il mondo per ottenere risultati su prevenzione, strumenti diagnostici e cure contro il coronavirus. Il nostro obiettivo è raccogliere fondi e avviare una cooperazione globale senza precedenti fra le organizzazioni responsabili della salute e tutti i partner interessati. Invito tutti a contribuire.”

online consumers

30 aprile 2020 - La Commissione europea raddoppia gli sforzi per prevenire le truffe e proteggere i consumatori

La Commissione europea è impegnata a proteggere i consumatori online, in particolare durante la pandemia di coronavirus in cui alcuni soggetti disonesti stanno diffondendo affermazioni false e vendendo prodotti truffaldini. La Commissione europea ha recentemente lanciato una serie di verifiche delle piattaforme online e dei messaggi pubblicitari per garantire che i consumatori dell'UE non siano esposti a contenuti ingannevoli. Le piattaforme online (Allegro, Amazon, AliExpress, Microsoft/Bing, CDiscount, Ebay, Facebook, Google, Rakuten, Wish e Yahoo/Verizon media) hanno risposto positivamente e dimostrato un forte impegno a rimuovere annunci ingannevoli e pubblicità illegali, tutelando in tal modo i consumatori, dopo che il commissario europeo per la giustizia Reynders le ha contattate. I controlli saranno effettuati dalla Rete di cooperazione per la tutela dei consumatori delle autorità nazionali.

western balkans aid

29 aprile 2020 - Affrontare la crisi del coronavirus: la Commissione europea rafforza il sostegno per i Balcani occidentali

 

La Commissione europea ha annunciato oltre 3,3 miliardi di euro di sostegno finanziario dell'UE per i Balcani occidentali al fine di affrontare le esigenze sanitarie e sociali immediate a seguito della pandemia di coronavirus e favorire la ripresa economica. Oltre al suo contributo in vista della riunione dei leader dei Balcani occidentali del 6 maggio 2020, la Commissione ha descritto a grandi linee il sostegno a lungo termine - un piano economico e di investimenti - da presentare in autunno. La presidente von der Leyen ha dichiarato: "Durante questa pandemia abbiamo una responsabilità particolare nei confronti dei nostri partner nei Balcani occidentali, visto che il loro futuro è chiaramente nell'Unione europea. L'UE sta mobilitando un consistente pacchetto finanziario che conferma la nostra forte solidarietà. Insieme supereremo questa crisi e ci riprenderemo".

Valdis Dombrovskis Press Conference

28 aprile 2020 - Pacchetto per il settore bancario: sostenere le famiglie e le imprese nell'UE

 

Per garantire che le banche possano continuare a prestare denaro, sostenere l'economia e contribuire ad attenuare gli impatti economici del coronavirus, la Commissione europea ha adottato un pacchetto per il settore bancario che consentirà alle banche di continuare a erogare prestiti alle famiglie e alle imprese in tutta l'UE e comprenderà una comunicazione interpretativa sui quadri contabili e prudenziali dell'UE e modifiche "rapide" mirate della normativa bancaria dell'UE. La Commissione avvierà un dialogo con il settore finanziario europeo per esaminare in che modo poter elaborare migliori pratiche a ulteriore sostegno di cittadini e imprese.

global summit

27 aprile 2020 - L'UE lancia un'iniziativa globale di raccolta fondi insieme ai partner

 

Per sviluppare e utilizzare sistemi diagnostici, terapie e vaccini contro il coronavirus che siano sicuri, efficaci e a prezzi accessibili, l'Unione europea sta unendo le forze con i partner globali per dare avvio il 4 maggio 2020 all'iniziativa di raccolta fondi Risposta globale al coronavirus, invitando Stati e organizzazioni di tutto il mondo ad impegnare fondi per raggiungere il traguardo di 7,5 miliardi di euro di finanziamenti. La presidente della Commissione europea von der Leyen ha dichiarato: "Dobbiamo riunire nella lotta contro il coronavirus il mondo intero, i suoi leader, le persone che lo abitano. Daremo il via ad un'iniziativa mondiale di raccolta fondi, un'autentica maratona. Perché per sconfiggere il coronavirus occorrono una risposta globale e una mobilitazione duratura su molti fronti: dobbiamo sviluppare un vaccino, produrlo e distribuirlo in ogni angolo del mondo."

ursula von der leyen video conference

24 aprile 2020 - La Commissione europea definisce un piano comune per la ripresa fondato su un rinnovato bilancio a lungo termine dell'UE 

Durante una videoconferenza tenutasi il 23 aprile i leader europei hanno incaricato la Commissione europea di dare forma a una risposta collettiva alla crisi. Presto sarà avviata una valutazione economica approfondita e il bilancio europeo, chiaramente collegato al fondo per la ripresa, è uno strumento affidabile e che ha dato prova di sé nel corso del tempo in grado di affrontare l'entità dei compiti da svolgere per realizzare la ripresa. Il grosso degli investimenti sarà destinato a creare investimenti e coesione economica, migliorando la resilienza e l'autonomia dell'Unione, promuovendo nel contempo politiche moderne come il Green Deal europeo e la transizione digitale. Occorre inoltre rafforzare i solidi partenariati nell'immediato vicinato dell'UE. "Il prossimo bilancio a lungo termine dell'UE, il prossimo bilancio settennale, deve adattarsi alle nuove circostanze e affrontare la crisi dopo il coronavirus. Dobbiamo aumentarne la capacità affinché sia in grado di generare gli investimenti necessari in tutta l'Unione europea", ha dichiarato la presidente von der Leyen. Il nostro impegno è teso a tutelare il mercato unico: gli investimenti dovrebbero concentrarsi nei primi anni e sarà necessario trovare il giusto equilibrio tra sovvenzioni e prestiti.

agricolture programmes

23 aprile 2020 - Misure eccezionali a sostegno del settore agroalimentare

Per sostenere rapidamente il settore agricolo e i mercati alimentari a seguito della pandemia di coronavirus, la Commissione europea ha proposto misure eccezionali.

La Commissione propone di concedere aiuti all'ammasso privato per i prodotti lattiero-caseari e i prodotti a base di carne, la flessibilità nell'attuazione dei programmi di sostegno al mercato per riorientare le priorità di finanziamento, e una deroga eccezionale alle norme dell'UE in materia di concorrenza per stabilizzare i mercati in diversi settori. Nel settore lattiero-caseario, ad esempio, potranno pianificare collettivamente la produzione di latte, mentre in quello dei fiori e delle patate potranno ritirare i prodotti dal mercato. Tali accordi e decisioni saranno validi solo per un periodo massimo di sei mesi. Le oscillazioni dei prezzi al consumo saranno attentamente monitorate per evitare effetti pregiudizievoli. La Commissione intende adottare queste misure entro la fine di aprile.

EU flags

 

22 aprile 2020 - Pacchetto di assistenza finanziaria da 3 miliardi di euro per dieci paesi vicini

La Commissione ha proposto un pacchetto di assistenza macrofinanziaria da 3 miliardi di euro a dieci paesi partner dell'allargamento e del vicinato allo scopo di limitare le ricadute economiche della crisi da coronavirus in tali paesi. La proposta si aggiunge alla strategia "Team Europa" da 15,6 miliardi di euro, la risposta mirata dell'UE a sostegno degli sforzi compiuti dai paesi partner per affrontare la pandemia di coronavirus. I beneficiari sono l'Albania, la Bosnia-Erzegovina, la Georgia, la Giordania, il Kosovo, la Repubblica moldova, il Montenegro, la Repubblica della Macedonia del Nord, la Tunisia e l'Ucraina.
Image of hands wearing gloves

21 aprile 2020 - L'UE mobilita aiuti per l'Italia, la Croazia e i paesi vicini

L'UE coordina e cofinanzia le spedizioni di aiuti nell'UE e nei paesi vicini, a seguito di richieste di assistenza tramite il meccanismo di protezione civile dell'UE nella lotta contro la pandemia di coronavirus. La Slovacchia invia mascherine e disinfettante all'Italia, mentre l'Austria invia guanti e disinfettante alla Croazia. Nell'ambito del sostegno generale dell'UE ai Balcani occidentali, l'Austria invia anche guanti, disinfettanti e altri articoli in Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro e Moldova. La Serbia riceverà dall'Austria anche coperte, materassi e tende per i migranti presenti nel paese.

Image of a server room

20 aprile 2020 - Coronavirus: una nuova piattaforma per la condivisione dei dati tra i ricercatori

La Commissione europea e i suoi partner hanno istituito una piattaforma europea di dati sull'emergenza COVID-19 per consentire una rapida raccolta e condivisione dei dati di ricerca disponibili, quali sequenze di DNA, strutture proteiche, dati della ricerca preclinica e delle sperimentazioni cliniche, come pure dati epidemiologici, e accelerare così la ricerca. La Commissione sostiene la ricerca e l'innovazione per sviluppare vaccini, nuovi trattamenti, test diagnostici e sistemi medici per prevenire la diffusione del coronavirus e salvare vite umane. La piattaforma è un elemento importante nella costruzione del cloud europeo per la scienza aperta. I ricercatori potranno conservare, condividere e analizzare un'ampia varietà di risultati sul coronavirus, dai dati genomici alla microscopia e ai dati clinici.

passenger in an airport

17 aprile 2020 - Riportati a casa oltre 500 000 cittadini dell'UE

L'UE è riuscita a riportare a casa più di mezzo milione di cittadini colpiti dalle restrizioni di viaggio dovute alla pandemia di coronavirus finanziando voli di rimpatrio e svolgendo un'intensa attività di cooperazione consolare. All'inizio della pandemia di coronavirus erano circa 600 000 i cittadini dell'UE che hanno dichiarato di essere rimasti bloccati al di fuori dell'UE. Per lo più si trattava di persone che stavano effettuando viaggi di breve durata. Sono circa 98 900 i cittadini dell'UE ancora bloccati all'estero (per lo più nella regione Asia-Pacifico e in Africa). Ci stiamo adoperando per riportarli rapidamente a casa nei prossimi giorni. Questi sforzi senza precedenti hanno permesso anche a 5 000 cittadini dei paesi partner, fra cui Norvegia, Serbia, Svizzera, Turchia e Regno Unito, di tornare a casa a bordo di voli dell'UE.

ursula von der leyen press conference

16 aprile 2020 - La presidente von der Leyen dichiara: "Il bilancio dell'UE rappresenterà la nave appoggio della nostra ripresa"

 

Nonostante la risposta collettiva dell'Europa sia ben superiore a tremila miliardi di euro e rappresenti così lo stanziamento più massiccio al mondo, occorre fare di più, ha dichiarato la presidente von der Leyen al Parlamento europeo. Il bilancio dell'UE sarà la nave appoggio della ripresa europea e guiderà l'economia verso un'Europa più verde e digitale. Gli investimenti in ristrutturazioni su vasta scala, energie rinnovabili, trasporti puliti, alimentazione sostenibile e ripristino della natura saranno più importanti che mai. Usare ogni singolo euro disponibile ha significato realizzare investimenti per acquistare apparecchiature mediche, sviluppare vaccini, creare posti di lavoro e sostenere le imprese per far ripartire l'economia. La presidente von der Leyen ha concluso il suo intervento con un appello appassionato rivolto all'Unione europea: "Se oggi ci battiamo tutti per l'Europa, con coraggio, fiducia e solidarietà, so che domani lo spirito dell'Europa risplenderà come mai prima d'ora."

woman holding her phone

16 aprile 2020 - Un approccio europeo per le app di tracciamento, da usare su base volontaria e nel pieno rispetto della vita privata

 

Per istituire sistemi volontari di tracciamento dei contatti e di allerta che rispettino pienamente la privacy, la Commissione europea ha presentato vari strumenti e orientamenti. Le app basate su tecnologia di prossimità Bluetooth dovrebbero essere utilizzate solo su base volontaria, rispettare rigorose norme di sicurezza, essere facilmente accessibili, efficaci e pienamente conformi al rispetto della privacy. Al tempo stesso dovrebbero fornire dati aggregati non personali agli enti sanitari pubblici che operano nel settore dell'epidemiologia per proteggere e salvare vite umane.
charles michel and ursula von der leyen

15 aprile 2020 - Una tabella di marcia europea per revocare le misure di contenimento

 

La Commissione europea, in collaborazione con il presidente del Consiglio europeo, ha presentato una tabella di  marcia, una serie di raccomandazioni e di principi fondamentali per revocare le misure di contenimento. Per garantire il successo di un approccio europeo coordinato al fine di revocare gradualmente le misure di contenimento, è fondamentale rispettare una tempistica adeguata e diversi criteri comuni: la diffusione del virus deve diminuire e stabilizzarsi, i sistemi di assistenza sanitaria devono essere dotati di capacità sufficienti e devono essere disponibili capacità diagnostiche su larga scala. Una serie di misure dovrebbe accompagnare la progressiva revoca del contenimento: occorre mettere in atto un sistema di tracciamento dei contatti, ampliare le capacità diagnostiche, sviluppare terapie efficaci e aumentare le capacità dei sistemi sanitari. 

Protective medical equipment

14 aprile 2020 - 2,7 miliardi di euro dal bilancio dell'UE per sostenere il settore sanitario

 

Per sostenere direttamente i sistemi sanitari nei paesi dell'UE, la Commissione europea ha proposto di attivare lo Strumento per il sostegno di emergenza dell'UE, una misura che il Consiglio ha rapidamente approvato il 14 aprile. Lo strumento da 2,7 miliardi di euro sosterrà la distribuzione delle attrezzature di protezione, il trasferimento dei pazienti verso ospedali con capacità disponibili e lo sviluppo di metodi terapeutici e di test. Sarà utilizzato insieme ad altri strumenti dell'UE, ad esempio la scorta rescEU di attrezzature mediche, che riceve 300 milioni di euro in aggiunta alla dotazione inizialmente proposta di 80 milioni di euro, per sostenere la distribuzione di apparecchiature mediche in tutta l'UE. Anche le singole persone, le fondazioni e gli Stati membri potranno fare delle donazioni e realizzare finanziamenti collettivi (crowdfunding).

pills

8 aprile 2020 - 15,6 miliardi di euro per una risposta globale dell'UE al coronavirus; l'UE invita gli Stati membri a garantire la disponibilità di farmaci

 

Per combattere il coronavirus a livello globale, l'UE sosterrà la sanità pubblica e risponderà alle necessità umanitarie e sanitarie dei paesi partner in tutto il mondo, fornendo assistenza finanziaria per oltre 15,6 miliardi di euro. Nel frattempo, l'8 aprile la Commissione ha invitato gli Stati membri a garantire che gli europei abbiano accesso ai farmaci, proteggendo la salute pubblica e preservando il mercato unico. La Commissione ha pubblicato orientamenti per garantire l'adeguato approvvigionamento, il trasporto rapido e la distribuzione razionale dei prodotti farmaceutici essenziali, nonché per evitare eventuali carenze.

coronavirus medical unit

7 aprile 2020 - Il Corpo medico europeo in Italia

Oggi il Corpo medico europeo, coordinato dal Centro di coordinamento della risposta alle emergenze dell'UE, ha inviato a Bergamo una squadra di medici e infermieri europei provenienti dalla Romania e dalla Norvegia. L'Austria ha donato 3 360 litri di disinfettante medico all'Italia tramite il meccanismo di protezione civile dell'UE. Inoltre, l'Italia ha attivato il sistema satellitare Copernicus dell'Unione europea per mappare le strutture sanitarie e monitorare le attività.

Financial aid coronavirus

6 aprile 2020 - 8 miliardi di euro per sostenere circa 100 000 imprese europee

Ad aprile circa 100 000 imprese colpite dalle conseguenze economiche del coronavirus potranno beneficiare di finanziamenti per ricevere sostegno e assistenza. La Commissione europea e il Fondo europeo per gli investimenti sbloccheranno 8 miliardi di euro dal Fondo europeo per gli investimenti strategici. Le imprese potranno presentare domanda di sostegno direttamente presso le loro banche e/o i loro istituti di credito locali, elencati nel sito Accesso ai finanziamenti.

workers producing masks

3 aprile 2020 - Rimandata la regolamentazione sui dispositivi medici, revocati i dazi doganali sui dispositivi di protezione

La Commissione ha proposto di posticipare di un anno il regolamento sui dispositivi  medici per consentire ai fabbricanti di concentrarsi sulla produzione di dispositivi medici critici e di evitare carenze o ritardi che potrebbero essere causati dagli organismi di regolamentazione, e salvare così vite umane.

La Commissione ha inoltre deciso di sospendere temporaneamente i dazi doganali e l'IVA sull'importazione di dispositivi medici e di protezione da paesi terzi. Riducendo anche di un terzo il costo dell'importazione di mascherine, guanti, tute e altri dispositivi di protezione, la decisione aumenterà ulteriormente la disponibilità di questi prodotti critici e aiuterà coloro che ne hanno bisogno. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione, ha dichiarato: "Ci stiamo adoperando su tutti i fronti per rimuovere gli ostacoli che impediscono ai nostri operatori sanitari di disporre di quanto necessario per salvare vite.

Ursula von der Leyen President of the European Commission

2 aprile 2020 - Risposta al coronavirus: la Commissione mobilita ogni euro per proteggere vite umane e tutelarne il sostentamento

Per sostenere rapidamente i lavoratori e attenuare i rischi di disoccupazione legati alla pandemia di coronavirus, la Commissione ha lanciato una nuova iniziativa chiamata SURE (sostegno per attenuare i rischi di disoccupazione in un'emergenza). Per contribuire a proteggere i posti di lavoro e a sostenere le famiglie, l'iniziativa SURE fornirà agli Stati membri fino a 100 miliardi di euro di assistenza finanziaria, sotto forma di prestiti concessi a condizioni favorevoli. Inoltre ha proposto di reindirizzare tutti i fondi strutturali disponibili per rispondere al coronavirus. Anche gli agricoltori e i pescatori, così come i più indigenti, beneficeranno di un sostegno. L'iniziativa Solidarietà dell'UE per la salute, con un bilancio di 3 miliardi di euro, affronterà le esigenze dei sistemi sanitari degli Stati membri. Il profondo impatto della crisi causata dal coronavirus richiede una risposta senza precedenti in termini di portata, rapidità e solidarietà. Con il pacchetto di oggi, la Commissione fornisce proprio questa risposta.

scientist

1º aprile 2020 - Gli scienziati della Commissione sviluppano un nuovo materiale di controllo per test sul coronavirus affidabili in tutta l'UE

Gli scienziati della Commissione europea hanno sviluppato un nuovo materiale di controllo che può essere utilizzato per valutare accuratamente il funzionamento dei test sul coronavirus ed evitare i falsi negativi. I campioni di materiale di controllo sono altamente concentrati ed è necessaria solo una quantità molto limitata per controllare un test.

Tribunal

31 marzo 2020 - La presidente von der Leyen avverte: le misure di emergenza per la pandemia di coronavirus devono rispettare i principi e i valori fondamentali dell'UE

Nel corso delle ultime settimane, diversi Stati membri dell'UE hanno adottato misure di emergenza per far fronte alla crisi sanitaria causata dalla pandemia di coronavirus. È estremamente importante che le misure di emergenza non intacchino i nostri principi e valori fondamentali sanciti dai trattati.

30 marzo 2020 - Lancio di una sezione dedicata al tema "Combattere la disinformazione" collegata alla pandemia di coronavirus

La disinformazione e le notizie false in ambito medico abbondano, anche per quanto riguarda l'emergenza COVID-19. È importante fidarsi solo di fonti autorevoli per ottenere informazioni aggiornate.