Scopi della condizionalità

Attraverso la condizionalità gli agricoltori sono incoraggiati a rispettare i livelli elevati previsti dall'Unione europea per quanto riguarda la salute e il benessere dei cittadini, delle piante e degli animali. La condizionalità svolge un ruolo importante nel rendere più sostenibile l'agricoltura europea.

Cos’è la condizionalità

Gli agricoltori devono rispettare una serie di norme di base per ottenere il sostegno dell'UE al reddito. L'interazione tra il rispetto delle norme e il sostegno fornito agli agricoltori prende il nome di condizionalità.

Tra le norme che gli agricoltori dovrebbero rispettare figurano:

  • criteri di gestione obbligatori, si applicano a tutti gli agricoltori, che ricevano o meno sostegno nel quadro della politica agricola comune (PAC);
  • buone condizioni agronomiche e ambientali, si applicano solo agli agricoltori che ricevono sostegno nel quadro della PAC.

Gli agricoltori che violano il diritto dell'UE in materia di ambiente, salute pubblica e degli animali, benessere degli animali o gestione dei terreni si vedranno ridurre il sostegno dell'UE e potrebbero incorrere in altre sanzioni.

Criteri di gestione obbligatori

Tutti gli agricoltori, che ricevano o meno un sostegno della PAC, devono rispettare i criteri di gestione obbligatori (CGO).

I CGO comprendono norme dell'UE in materia di salute dei cittadini, degli animali e delle piante; il benessere degli animali; e l'ambiente.

Salute pubblica, degli animali e delle piante

Benessere degli animali

  • Direttive concernenti la protezione dei vitelli, dei suini e degli animali negli allevamenti (direttiva 2008/119/CE del Consiglio, direttiva 2008/120/CE del Consiglio, direttiva 98/58/CE del Consiglio).

Ambiente

Buone condizioni agronomiche e ambientali

Oltre ai criteri di gestione obbligatori, gli agricoltori che ricevono il sostegno della PAC devono rispettare le norme UE in materia di buone condizioni agronomiche e ambientali (BCAA).

Tali norme hanno come finalità:

  • prevenire l'erosione del suolo definendo la copertura minima del suolo e le pratiche minime di gestione del suolo;
  • mantenere la componente organica del suolo e la struttura del suolo;
  • mantenere i prati permanenti;
  • proteggere la biodiversità e garantire la conservazione degli elementi caratteristici del paesaggio, ad esempio mediante il divieto di potare le siepi e gli alberi durante la stagione di riproduzione e di allevamento degli uccelli;
  • proteggere e gestire l'acqua attraverso l'introduzione di fasce tampone lungo i corsi d'acqua, l'autorizzazione all’uso dell’acqua per l'irrigazione e la protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento.

Sanzioni per inosservanza delle norme

nell'ambito del regime della condizionalità gli agricoltori che non rispettano le norme dell'UE possono vedersi ridurre i seguenti tipi di sostegno:

  • pagamenti diretti (disaccoppiati o accoppiati)
  • la maggior parte dei pagamenti per lo sviluppo rurale: pagamenti basati sulla superficie, comprese le misure agroambientali, le zone soggette a vincoli naturali, le misure NATURA 2000, le misure di imboschimento, i pagamenti per l'ambiente forestale, l'agroforestazione, l'agricoltura biologica;
  • pagamenti per il settore vitivinicolo: ristrutturazione e riconversione dei vigneti e vendemmia “verde”.

Informazioni correlate

Sostegno al reddito.

Sviluppo rurale

Norme

Le seguenti norme stabiliscono le modalità di funzionamento della condizionalità:

Novità