Determinanti sociali e ineguaglianze in campo sanitario

Panoramica

Esistono notevoli disparità a livello di salute pubblica tra i paesi dell’UE e tra i gruppi di popolazione che vivono in questi paesi. I determinanti sociali svolgono un ruolo importante nel contribuire a tali disparità e incidono sull’aspettativa di vita e sullo stato di salute generale. Includono questioni quali l’occupazione, il reddito, l’istruzione e l’etnia.

Nel tentativo di affrontare le disuguaglianze sanitarie, l’UE promuove politiche e aiuta le autorità nazionali e le parti interessate ad adottare misure per contrastare le disparità. La comunicazione Solidarietà in materia di salute - riduzione delle disuguaglianze sanitarie nell'UE, pubblicata dalla Commissione europea nel 2009, ha delineato una strategia iniziale in questo ambito che includeva:

  • una valutazione dell’impatto delle politiche dell’UE sulle disuguaglianze sanitarie
  • un aggiornamento dei dati sulle disuguaglianze sanitarie e sulle strategie più efficaci per ridurle
  • informazioni sui finanziamenti dell’UE per aiutare le autorità nazionali e altri organismi ad affrontare le disuguaglianze.

Relazione sulle disuguaglianze sanitarie nell'UE

Nel 2013 la Commissione ha pubblicato il documento dei servizi della Commissione “Relazione sulle disuguaglianze sanitarie nell’Unione europea”. La relazione fornisce:

  • dati e cifre aggiornati sulle disuguaglianze sanitarie nell’UE
  • una valutazione del progresso raggiunto nell’attuazione della strategia del 2009.

La relazione conclude che, nonostante siano stati compiuti alcuni progressi, sono necessari ulteriori interventi a livello locale, nazionale e dell’UE. Gli Stati membri e i gruppi d’interesse devono cogliere appieno le possibilità offerte dalle politiche dell’UE per migliorare la sanità e raggiungere una maggiore coesione in ambito sanitario.

Investire per ridurre le disuguaglianze sanitarie

Gli investimenti volti a ridurre le disuguaglianze sanitarie favoriscono ulteriormente la coesione sociale e spezzano il circolo vizioso che si crea fra cattive condizioni di salute, povertà ed emarginazione.

Grazie ai finanziamenti del Parlamento europeo, la Commissione attua progetti pilota relativi ad aspetti specifici della riduzione delle disuguaglianze sanitarie.

Nell’ambito del programma dell’UE per la salute è in fase di preparazione un’azione congiunta sulle disuguaglianze sanitarie che verrà lanciata nel 2018. L’azione congiunta costituirà la base per la collaborazione tra i paesi dell’UE sulle crescenti disuguaglianze sanitarie.