Preparazione e risposta

Collaborazione internazionale

A livello mondiale, l'UE collabora con interlocutori internazionali su questioni che attengono alla sicurezza sanitaria. Come membro dell'Iniziativa per la sicurezza sanitaria globale (GHSI), la Commissione europea collabora strettamente con l'OMS e i paesi del "G7+" (USA, Canada, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Giappone e Messico) allo scopo di definire una strategia mondiale efficace e ben organizzata che consenta di prepararsi e rispondere ad eventuali minacce per la salute.

Iniziativa per la sicurezza sanitaria globale

L'iniziativa è stata istituita nel novembre 2001 su iniziativa dell'ex ministero della Salute e dei servizi sociali degli Stati Uniti. Sebbene soltanto quattro paesi dell'UE ne siano membri ufficiali, l'adesione della Commissione europea garantisce che l'esito delle discussioni venga comunicato a tutti i paesi dell'UE attraverso il proprio comitato per la sicurezza sanitaria.

Il forum dell'iniziativa si riunisce su base annuale e prevede la partecipazione di ministri dei paesi del "G7+" e del commissario per la Salute della Commissione europea. È inoltre prevista la consulenza tecnica dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Risultati conseguiti dall'iniziativa

  • Maggiore preparazione e risposta al vaiolo
  • Migliore comunicazione internazionale e gestione del rischio
  • Sperimentazione e maggiore capacità di laboratorio
  • Crescente preparazione e risposta a livello mondiale all'influenza pandemica
  • Attività di preparazione contro le minacce chimiche e radiologiche

Insieme all'Organizzazione mondiale della sanità, l'UE sta mettendo a punto una tabella di marcia per iniziative comuni in materia di: