Newsletter 195 - Ottimizzare i sistemi sanitari

Newsletter Salute-UE n. 195 - In primo piano

Il processo di cooperazione economica dell’UE mette in rilievo la necessità di sistemi sanitari efficaci e accessibili

Il 17 maggio 2017 la Commissione ha pubblicato le sue proposte di raccomandazioni del Consiglio agli Stati membri per quanto riguarda i loro programmi nazionali di riforma e i programmi di stabilità o di convergenza per il 2017. Queste raccomandazioni specifiche per paese, che comprendono quelle in campo sanitario, vengono formulate ogni anno nel quadro del ciclo di coordinamento delle politiche economiche dell’UE, il cosiddetto "semestre europeo". La necessità di riforme dei sistemi sanitari è stata individuata in vari paesi, sin dall’inizio del processo del semestre europeo, e quest’anno vari Stati membri hanno ricevuto raccomandazioni affinché riformino i loro sistemi sanitari per adeguarsi alle priorità stabilite dalla Commissione europea. Le priorità di azione a livello nazionale e dell’UE nell’ambito dei sistemi sanitari sono stabilite annualmente dalle analisi annuali della crescita. Su di esse si sono basate successive raccomandazioni di riforma dei sistemi sanitari che hanno ricevuto crescente attenzione nel processo di governance economica, concentrandosi principalmente sul risanamento di bilancio nella fase più precoce possibile e il progressivo passaggio a un approccio più equilibrato tra aspetti di bilancio, sociali e sanitari. Il capo di gabinetto del commissario per la Salute e la sicurezza alimentare Arūnas Vinčiūnas illustra più approfonditamente questo aspetto.

Perché le "raccomandazioni specifiche per paese relative alla salute" sono importanti per la futura buona salute dei cittadini dell’UE?

I sistemi sanitari sono organizzazioni complesse il cui corretto funzionamento è fondamentale per la buona salute dei cittadini dell’UE. A fronte di un contesto in continua evoluzione, gli Stati membri devono garantire che i sistemi sanitari siano in grado di adattarsi in modo efficace ai bisogni della popolazione e individuare e applicare soluzioni innovative per affrontare le notevoli sfide che ci attendono, con l’obiettivo finale di migliorare la salute delle rispettive popolazioni. La Commissione sostiene gli Stati membri in questo compito, fornendo analisi e previsioni, e raccomandando riforme sulla base delle prove fornite da informazioni solide e comparabili.

Quali sono le riforme prioritarie per il 2017?

L'analisi annuale della crescita per il 2017 definisce le priorità economiche e sociali più urgenti su cui l'Unione europea e gli Stati membri devono concentrare la loro attenzione nei prossimi mesi. Nel settore della sanità, le politiche dovrebbero garantire l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità e sostenere e rafforzare le reti di sicurezza sociale attraverso politiche di prevenzione, di cura e di riabilitazione. Pertanto, gli Stati membri devono continuare a riformare i loro sistemi sanitari per garantire un accesso universale a servizi sanitari efficienti sotto il profilo dei costi e proteggere la popolazione dalla povertà o dall'esclusione sociale provocate da un cattivo stato di salute e dalle relative spese.

In che modo l’UE sostiene le riforme dei sistemi sanitari?

Gli Stati membri dovrebbero sfruttare appieno le opportunità offerte loro a livello di UE per accelerare l’attuazione delle riforme fondamentali evidenziate nelle raccomandazioni specifiche per paese rivolte loro. Pertanto, sono incoraggiati a fare un uso efficace degli strumenti disponibili a livello dell’UE, per esempio i Fondi strutturali e di investimento europei, il Programma di sostegno alle riforme strutturali e il piano di investimenti per l’Europa. La Commissione è disposta a fornire assistenza, se necessario.