Newsletter n. 240 - Vaccinazioni

Newsletter Salute-UE 240 - In primo piano

Dieci azioni verso la vaccinazione per tutti

Il 12 settembre la Commissione europea e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno organizzato congiuntamente un vertice mondiale sulla vaccinazione per contrastare la diffusione di malattie prevenibili da vaccino e fermare la disinformazione sui vaccini. Le discussioni sono riassunte nelle seguenti azioni e insegnamenti:

Tutti dovrebbero beneficiare dei vantaggi derivanti dalla vaccinazione. L’impossibilità di accedere ai vaccini, la carenza di vaccini, la disinformazione, il generale disinteresse nei confronti dei rischi di malattia, la decrescente fiducia dell’opinione pubblica nel valore dei vaccini e i disinvestimenti hanno un impatto negativo sui tassi di vaccinazione a livello mondiale, nonostante la disponibilità di vaccini sicuri ed efficaci. La vaccinazione è indubbiamente uno degli interventi più efficaci della sanità pubblica. Abbiamo il dovere di sostenere i risultati arduamente conquistati nel campo della vaccinazione, ma bisogna puntare a fare sempre di più e sempre meglio, per ottenere sistemi sanitari efficaci ed equi e per ridurre le sofferenze e i danni causati da malattie che possono essere evitate. Ciò include inoltre la sovvenzione degli investimenti necessari in ricerca e sviluppo per rispondere alle esigenze mediche insoddisfatte, sviluppando nuovi vaccini e migliorando quelli già esistenti.

Le lezioni tratte e le azioni necessarie per garantire la vaccinazione per tutti e ed eliminare le malattie prevenibili con un vaccino:

  1. Promuovere a livello globale la leadership politica e l’impegno nei confronti della vaccinazione e costruire una collaborazione e una partnership efficace a livello nazionale, regionale e locale con autorità sanitarie, operatori sanitari, società civile, comunità, scienziati e industria per proteggere tutti e ovunque sostenendo tassi elevati di copertura vaccinale.
     
  2. Garantire l’introduzione e l’attuazione di strategie di vaccinazione a livello nazionale in tutti i paesi e il rafforzamento della stabilità finanziaria, in linea con i progressi verso una copertura sanitaria universale, senza lasciare indietro nessuno.
     
  3. Creare sistemi di sorveglianza efficaci delle malattie prevenibili da vaccino, in particolar modo di quelle sottoposte a eliminazione globale ed eradicazione.
     
  4. Affrontare le cause all’origine della riluttanza nei confronti dei vaccini, aumentando la fiducia nella vaccinazione, nonché progettando e attuando interventi basati su elementi concreti.
     
  5. Sfruttare il potere delle tecnologie digitali, al fine di rafforzare il monitoraggio dell’efficacia dei programmi di vaccinazione.
     
  6. Sostenere gli sforzi della ricerca per creare costantemente dati sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini e sull'impatto dei programmi di vaccinazione
     
  7. Proseguire gli sforzi e gli investimenti, compresi nuovi modelli di finanziamento e di incentivi, nel campo della ricerca, dello sviluppo e dell’innovazione per dispositivi di vaccinazione e di consegna nuovi o migliorati.
     
  8. Attenuare i rischi di carenza di vaccini migliorando i sistemi di monitoraggio, proiezione, acquisto, consegna e stoccaggio dei vaccini e la collaborazione con i produttori e con tutti coloro che prendono parte alla catena di distribuzione, per utilizzare al meglio la capacità di produzione o per aumentare quella esistente.
     
  9. Incoraggiare i media e i professionisti del settore sanitario a tutti i livelli a fornire al pubblico informazioni efficaci, trasparenti e obiettive, per contrastare le informazioni false e fuorvianti, coinvolgendo anche le piattaforme social e le aziende tecnologiche.
     
  10. Allineare e integrare la vaccinazione nelle agende globali in materia di sanità e sviluppo, mediante una nuova agenda 2030 in materia di vaccinazione.